[Alt-Text]

qualita2014ispra

Come si vive nei capoluoghi di provincia italiani? Ad esaminarne lo stato è l'Ispra nella decima edizione del rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano 2014. L'analisi ha esaminato 73 città, tutti comuni capoluoghi di provincia con popolazione superiore ai 50.000 abitanti e tutti i capoluoghi di regione. Una buona e una cattiva notizia. Le emissioni di PM10 registrate nel settore dei trasporti su strada in 12 anni sono calate del 50%, ma le concentrazioni rimangono ancora troppo alte.

Leggi tutto: Citta', in calo le emissioni dai trasporti. Ma il consumo di suolo non si arresta

trafficoroma

Roma si ferma ancora. Un solo giorno non è bastato per riportare la situazione entro i livelli di guardia. Anche oggi blocco del traffico nella capitale, a causa degli elevati livelli di sostanze inquinanti presenti nell'atmosfera. Ma ecco quali saranno i veicoli che dovranno restare a casa e quali invece quelli che potranno circolare nella Fascia Verde.

Leggi tutto: Blocco del traffico a Roma: chi potra' circolare oggi nella Fascia Verde

tetti parigi

Camini vietati a Parigi. E non solo. La colpa? Dell'inquinamento. Nella capitale della Francia e in altre 435 città dell'Ile-de France la qualità dell'aria è talmente pessima che per tentare di mitigare l'allarme sanitario per gli abitanti, causato dall'emissione di polveri sottili, dal 1° gennaio 2015 sarà vietato accendere i caminetti a legna.

Leggi tutto: Camini vietati a Parigi per combattere l'inquinamento

Ravenna

Ravenna, la provincia italiana dove si vive meglio. Merito dei passi avanti compiuti in materia di servizi, ambiente e salute, di cui ha il primato italiano, nel settore affari e lavoro e nella popolazione di età giovane. Primato strappato a Trento, che aveva vincitrice l'edizione 2013 dell'analisi annuale condotta dal Sole24ore. All'ultimo posto della classifica, per la terza volta (2007-2009) si è piazzata Agrigento.

Leggi tutto: Qualita' della vita 2014: in quale provincia italiana si vive meglio?

chernobyl

Cartoline che non avete mai visto, fotogrammi che rimangono impressi nella memoria perché provengono da una delle città fantasma dell'Ucraina. Siamo tutti cresciuti con le immagini e soprattutto le conseguenze del disastro nucleare di Chernobyl che, in noi italiani, si è particolarmente radicato dentro tanto da farci bandire per sempre l'atomo dal nostro Belpaese. Da un po' di anni cominciano ad arrivare testimonianze di intrepidi fotografi e videomaker che immortalano i paesaggi apocalittici delle città e dei villaggi vicine alla centrale, ma non si erano mai spinti così vicino.  Questo incredibile video del Filmmaker Danny Cook, infatti, per la prima volta mostra ciò che rimane delle cosiddette "zone morte" dall'alto, riuscendo a rendere fino in fondo la portata di quella ferita che forse non si rimarginerà mai.

Leggi tutto: Le città apocalittiche di Chernobyl come non le avete mai viste (video)

Grenoble JCDecaux

Meno pubblicità più alberi. Accade in Francia, nella città di Grenoble, che ha deciso di smantellare i suoi pannelli pubblicitari e sostituirli con il verde della natura. Ad annunciarlo è stato il sindaco del partito dei Verdi Eric Piolle, che ha deciso di non rinnovare il contratto con il gigante pubblicitario JCDecaux, che possiede tabelloni per annunci in tantissime aree urbane d'Oltralpe.

Leggi tutto: Grenoble, prima citta' d'Europa a sostituire i cartelloni pubblicitari con gli alberi

Parigi smog

Parigi inquinata, inquinatissima: respirare l'aria della Ville Lumiere nei giorni di alta concentrazione di polveri sottili non ha proprio nulla di romantico. Piuttosto, significa andare incontro a tutti i danni che può provocare il fumo passivo, malattie cancerogene comprese.

 

Leggi tutto: Parigi: la sua aria inquinata è paragonabile al fumo passivo

ecosistemaurbanolegambiente

Cattive notizie. Nei capoluoghi di provincia italiani, l'inquinamento atmosferico ha raggiunto livelli d'emergenza, il tasso di motorizzazione è in crescita, il trasporto pubblico non vive un buon momento e la gestione dei rifiuti è altalenante. È questo il quadro tutt'altro che rassicurante, disegnato da Legambiente nella 21° edizione di Ecosistema Urbano.

Leggi tutto: Ecosistema urbano 2014: le pagelle delle città italiane

smartcitybologna

Le città in cui vivremo, grazie al loro essere smart, avranno soluzioni in grado di ridurre l'inquinamento e di cambiare le nostre abitudini in chiave sostenibile. Alcune di queste tecnologie esistono già e sono state premiate in occasione della Smart City Exhibition, la manifestazione in corso a Bologna in questi giorni.

Leggi tutto: Smart city: le 10 idee per citta' piu' verdi e a misura d'uomo

Cerca

Scarica GRATIS il calendario "di stagione" 2015

Social