Questa comunità in Danimarca vive in surreali giardini a cerchio, splendido modello di urbanizzazione sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa piccola città della Danimarca dimostra che la simbiosi fra natura e insediamento urbano è possibile

Questa piccola città della Danimarca dimostra che la simbiosi fra natura e insediamento urbano è possibile

Conoscete Brøndby Haveb? È un piccolo comune danese, situato nella periferia nord-ovest di Copenaghen, e ha una particolarità: il suo tessuto urbano è costituito da tante aree concentriche in cui abitazioni e aree verdi sono perfettamente integrate, in modo che gli abitanti possano godere della tranquillità tipica delle case di campagna senza rinunciare alla socialità tipica delle città.

Brøndby è stata abitata fin dall’età della pietra, e le prime attestazioni scritte della presenza di questo centro risalgono all’anno Mille: ancora oggi sono visibili segni della storia millenaria della città nelle chiese di epoca medievale ancora perfettamente conservate e negli edifici antichi. Ma, a partire dagli anni ’50 del secolo scorso, la città ha assistito ad un vero e proprio boom economico e demografico (avvenuto anche grazie al grande afflusso di cittadini stranieri: si pensi che oggi nel comune vivono cittadini con radici provenienti da più di 100 paesi diversi) che ha costretto a ripensare la planimetria urbana alla luce di nuove esigenze. Ecco quindi che la città, grazie all’opera dell’architetto paesaggista danese Erik Mygind, cambia pelle e diventa un modello urbano sostenibile ed in simbiosi con la natura.

Gli agglomerati abitativi sono disposti a raggiera all’interno di “isole” verdi di forma circolare: questo permette agli abitanti di trovarsi contemporaneamente immersi nella natura e vicinissimi a tutte le infrastrutture ed i servizi essenziali – come supermercati, scuole, farmacie, centri culturali e sportivi. Ogni casa è dotata di un proprio giardino, ma non mancano cortili e aree verdi comuni per favorire le relazioni sociali; inoltre, vi è la possibilità per gli abitanti di coltivare i propri ortaggi o la propria frutta in forma privata o comunitaria, per godere di prodotti a chilometro zero.

Il quartiere dispone di 284 orti comunitari. Ogni cerchio ha 24 case basse che non superano i 50 mq, pensate per essere residenze estive o mete per fuggire dal caos urbano – anche solo per un weekend. Tutto è stato pensato nei minimi dettagli, poiché le siepi si inclinano verso l’interno per sfruttare tutta la luce solare possibile: questo permette non solo di risparmiare sull’energia elettrica, ma anche di garantire un’esposizione luminosa adeguata agli orti che circondano le case. Brøndby Haveby rappresenta una sperimentazione perfettamente riuscita, un modello urbano che potrebbe ispirare altri progetti in tutto il mondo per uno stile di vita sostenibile, rispettoso delle persone e dell’ambiente.

Maggiori informazioni sulla città sono reperibili sul sito del Comune.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Brøndby Kommune

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook