Consumare

acqua messico consumata multinazionali

Coca Cola, Pepsi e Danone: le multinazionali stanno consumando tutta l'acqua del Messico

Coca Cola, Pepsi e Danone stanno prosciugando il Messico. Le multinazionali, infatti, godono di speciali concessioni per lo sfruttamento delle falde acquifere, ma non sono adeguatamente controllate, e oltretutto pagano delle tasse irrisorie per questo, nonostante detengano l’82 per cento del mercato in termini di vendite totali. Un disastro ambientale, oltre che umano.

yogurt a confronto

Yogurt alla frutta: quali e come scegliere?

A colazione o a merenda c'è chi consuma yogurt alla frutta, un alimento fresco e leggero considerato più sano ad esempio di dolci e merendine. Ma è davvero così? Come scegliere uno yogurt di buona qualità?

tecnica purificazione acqua mit

Acqua senza contaminanti né pesticidi: la nuova tecnica del MIT che potrebbe cambiare il mondo

Acqua senza contaminanti nè pesticidi. La tecnica di purificazione proposta dal MIT in collaborazione con l’Università Tecnica di Darmstadt (Germania), pubblicata su Energy and Enviromental Science, promette di eliminare residui chimici, prodotti farmaceutici e pesticidi. Il processo potrebbe essere di grande aiuto in particolare ai Paesi in via di sviluppo, dove l’acqua è spesso ricca di contaminanti.

etichette-semaforo

Etichette a semaforo: tutelano davvero i consumatori?

Un semaforo per dire se un alimento è “buono” o meno. E il tutto scritto sulla confezione. Etichette semplificate per un messaggio semplificato che arrivi dritto al consumatore. Il sistema di etichettatura a colori, già in uso in Gran Bretagna, è stato rimodulato in Francia, che ha depositato a Bruxelles il decreto che introduce il sistema di etichettatura nutrizionale volontario Nutri-score, basato su cinque colori e 5 lettere (invece dei classici tre colori del semaforo, metodo adottato in UK), che vanno dal rosso al verde, dal più "cattivo" al più "buono".

creme-solari-aperte

Creme solari: dopo un anno si possono ancora usare?

Capita spesso che dopo l’estate ci rimangano delle confezioni di creme solari aperte e solo parzialmente utilizzate. Di solito per evitare sprechi si conservano per la stagione successiva, ma è davvero possibile usarle anche dopo un anno oppure sarebbe meglio evitare queste creme solari?