Green Economy

lego

Ecco come Lego vuole liberarci dalla plastica: in arrivo mattoncini in biomateriale

La Lego punta sempre più verso la sostenibilità ambientale e dopo essere riuscita ad alimentare al 100% le sue fabbriche con energia rinnovabile 3 anni prima del limite prefissato ora punta a produrre i suoi mattoncini con una particolare bioplastica resistente e non inquinante.

A maggio Lego aveva annunciato di essere ufficialmente un Gruppo 100% rinnovabili. Per festeggiare questo traguardo – raggiunto con ben 3 anni di anticipo rispetto al previsto - aveva costruito una mega turbina eolica di mattoncini. Ma quei mattoncini sono comunque di plastica e questo è un paradosso rispetto agli impegni green dell’azienda, ecco perché è al lavoro per ottenere un biomateriale biodegradabile, non inquinante, ma capace di resistere ad anni e anni di utilizzo da parte dei Lego-addicted.

  • Scritto da Anna Tita Gallo

L’economia neoliberista uccide più persone di tutti gli eserciti del mondo

ecomomia neoliberista

L’economia neoliberista uccide più persone di tutti gli eserciti del mondo e nessun responsabile viene accusato e punito. Ecco una sintesi del pensiero di Manfred Arthur Max-Neef, noto economista cileno che da decenni viaggia attraverso gli Stati Uniti e l’America Latina per lavorare come professore nelle università.

  • Scritto da Marta Albè

Rifiuti: l'Italia è il 'Paese del Riciclo', ma ci sono differenze tra Nord e Sud

Riciclo

La circular economy cresce. Con la pubblicazione del nuovo pacchetto europeo sull’economia circolare, dal rapporto “L’Italia del Riciclo 2015”, realizzato da Fise Unire e dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, esce fuori un dato importante: l’industria del riciclo continua a crescere, soprattutto nel settore degli imballaggi, dei RAEE e della frazione organica. 

  • Scritto da Germana Carillo

La Finlandia si prepara a sperimentare il reddito di cittadinanza

finlandia 000

Il reddito di cittadinanza potrebbe diventare presto realtà in Finlandia. Il Paese scandinavo sta infatti studiando un progetto pilota che metta alla prova le ripercussioni sociali, i benefici e le eventuali criticità dell'introduzione di un reddito di base. L’esperimento, appoggiato dal partito di Governo, il Partito centrista finlandese, di ispirazione liberale, ma anche da diverse forze di opposizione, rientra in un più ampio disegno di riforma del welfare.

  • Scritto da Lisa V.