Diabete di tipo 2, scoperti effetti collaterali sul tuo cervello: così accelererebbe il declino cognitivo in poco tempo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha individuato come i pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2 hanno un rischio incredibilmente maggiore di andare incontro a una diminuzione della materia grigia, con conseguente declino cognitivo

Il diabete di tipo 2 insorge quando le cellule smettono di rispondere all’insulina, l’ormone che consente di assorbire il glucosio dal sangue.

Tale condizione sta diventando più comune anche nei giovani, e tra i fattori di rischio segnaliamo:

  • essere in sovrappeso o obesi
  • avere un genitore o un fratello con diabete di tipo 2
  • bassi livelli di attività fisica
  • aver avuto il diabete gestazionale durante la gravidanza

Il diabete di tipo 2 può portare a seri problemi di salute come malattie cardiache, malattie renali e problemi alla vista. Uno studio pubblicato su eLife ha collegato il diabete di tipo 2 con l’invecchiamento cerebrale accelerato e il declino cognitivo.

Leggi anche: Se hai il diabete dovresti fare particolarmente attenzione ai tuoi denti: spiegato perché favorisce la carie

Lo studio

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 20.000 persone della biobanca britannica, un database biomedico con oltre mezzo milione di partecipanti.

Hanno quindi intrapreso una meta-analisi per vedere se questi studi confermavano i loro risultati.

I ricercatori hanno confrontato persone con diabete mellito di tipo 2 (T2DM) con pazienti sani (HC) per età, sesso, istruzione e stato di ipertensione. Tutti i partecipanti avevano un’età compresa tra 50 e 80 anni; sono stati esclusi quelli con diabete di tipo 1.

Attraverso le scansioni MRI sono riusciti a valutare l’atrofia della materia grigia, trovando una correlazione tra età e declino cognitivo.

Per quelli con diabete di tipo 2 gli effetti sulla funzione cognitiva sono stati significativamente aumentati: la funzione esecutiva ha mostrato un’ulteriore diminuzione del 13,1% e la velocità di elaborazione un’ulteriore diminuzione del 6,7% rispetto agli effetti legati all’età.

Inoltre, i ricercatori hanno riscontrato anche una diminuzione della materia grigia e prestazioni cognitive peggiori nei pazienti con diabete di tipo 2.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: eLife

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook