Diabete: ora è ufficiale le diete a base vegetale riducono il rischio, soprattutto se hai più di 50 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un recente studio sul diabete, seguire un’alimentazione a base vegetale e ricca di cibi altamente nutrienti, come frutta, verdura e semi, può proteggere dal diabete di tipo 2 e da eventuali complicazioni causate da questa malattia.

Una nuova ricerca ha rilevato che il consumo di cibi a base vegetale, inclusi frutta, verdura, noci, caffè e legumi, è associato a un rischio inferiore di sviluppare il diabete di tipo 2.

(Leggi anche: Inizia a seguire una dieta vegetale e l’emicrania cronica scompare. Il caso clinico che fa discutere gli esperti)

Lo studio mirava a identificare i profili dei metaboliti correlati a diverse diete a base vegetale, e indagare sulle possibili associazioni tra tali profili e il rischio di sviluppare la malattia.

Un metabolita è una sostanza utilizzata o prodotta dai processi chimici in un organismo vivente, e comprende il vasto numero di composti presenti in diversi alimenti, nonché la complessa varietà di molecole create quando tali composti vengono scomposti e trasformati per essere utilizzati dall’organismo.

Quindi, le differenze nella composizione chimica degli alimenti significano che la dieta di un individuo dovrebbe riflettersi nel suo profilo metabolico.

Oltre il 90% dei casi di diabete sono di tipo 2 e la condizione rappresenta una grave minaccia per la salute in tutto il mondo. La prevalenza globale della malattia negli adulti è più che triplicata in meno di due decenni, con casi in aumento da circa 150 milioni nel 2000 a oltre 450 milioni nel 2019, e si prevede che saliranno a circa 700 milioni nel 2045.

Questa malattia può anche essere causa di importanti complicazioni, sia macrovascolari, come le malattie cardiovascolari, sia microvascolari, che danneggiano i reni, gli occhi e il sistema nervoso.

L’epidemia di diabete è causata principalmente da diete malsane, sovrappeso o obesità, predisposizione genetica e altri fattori legati allo stile di vita, come la mancanza di esercizio fisico.

Le diete a base vegetale, in particolare quelle sane e ricche di alimenti di alta qualità come cereali integrali, frutta e verdura, sono state associate a un minor rischio di sviluppare la malattia, ma i meccanismi sottostanti coinvolti non sono completamente compresi.

(Leggi anche: Dieta per diabetici: cosa mangiare, schema settimanale e cibi da evitare)

Lo studio

Il team ha condotto un’analisi dei campioni di plasma sanguigno, e dell’assunzione con la dieta di 10.684 partecipanti da tre potenziali coorti.

I partecipanti erano prevalentemente bianchi, di mezza età (età media 54 anni) e con un indice di massa corporea medio (BMI) di 25,6 kg/m2.

Tutti hanno completato i questionari sulla frequenza degli alimenti, che sono stati valutati in base alla loro aderenza a tre diete a base vegetale: un indice generale di dieta a base vegetale, un indice di dieta a base vegetale sana, e un indice di dieta a base vegetale non salutare.

Gli indici dietetici erano basati sull’assunzione di 18 gruppi alimentari divisi in:

  • cibi vegetali sani (cereali integrali, frutta, verdura, noci, legumi, oli vegetali e tè/caffè)
  • cibi vegetali malsani (cereali raffinati, succhi di frutta, patate, bevande zuccherate e dolci/dessert)
  • alimenti di origine animale (grassi animali, latticini, uova, pesce/frutti di mare, carne e vari alimenti di origine animale).

L’analisi dei dati insieme ai punteggi dell’indice della dieta, ha consentito al team di trovare eventuali correlazioni tra il profilo dei metaboliti, l’indice della dieta e il rischio di diabete.

Lo studio ha rilevato che rispetto ai partecipanti che non hanno sviluppato la malattia, coloro a cui è stata diagnosticata durante il follow-up assumevano meno cibi sani a base vegetale. Inoltre, avevano un indice di massa corporea medio più alto, e avevano maggiori probabilità di avere pressione sanguigna e livelli di colesterolo elevati.

I ricercatori hanno spiegato:

Sebbene sia difficile individuare i contributi dei singoli alimenti perché sono stati analizzati insieme come modello, i singoli metaboliti derivanti dal consumo di alimenti vegetali ricchi di polifenoli come frutta, verdura, caffè e legumi sono tutti strettamente legati a dieta sana a base vegetale e minor rischio di diabete.

Quindi, secondo gli scienziati tali risultati supportano il ruolo benefico di diete sane a base vegetale nella prevenzione del diabete.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: Springer

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook