Il declino cognitivo potrebbe essere collegato ad alcuni tratti della nostra personalità. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo uno studio canadese, alcuni tratti della nostra personalità - come la stabilità emotiva o l'estroversione - giocherebbero un ruolo importante nei processi di declino cognitivo

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

La nostra personalità influenza non solo il nostro stile di vita e il nostro modo di relazionarci agli altri, ma potrebbe essere collegata anche ad un aumentato rischio di sviluppare problemi cognitivi nell’età avanzata. È quanto emerge da un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Victoria, in Canada.

Quasi 2.000 volontari senza una diagnosi di demenza sono stati invitati a compilare alcuni questionari relativi alla propria personalità. Successivamente, i risultati dei test sono stati incrociati con le cartelle cliniche dei partecipanti allo studio, nonché con l’eventuale presenza di problemi cognitivi in alcuni di essi.

È emerso che le persone organizzate e dotate di più autodisciplina sono anche quelle meno propense a sviluppare forme di declino cognitivo con l’avanzare dell’età. Al contrario, le persone più nervose, chiassose e disordinate hanno un rischio maggiore di andare incontro a problemi di declino cognitivo.

Come spiegano gli autori dello studio, i tratti della personalità riflettono modelli di pensiero e di comportamento duraturi, e questi possono influenzare notevolmente l’insistenza in abitudini sane o malsane che avranno un peso sull’esistenza futura dell’individuo. I nostri comportamenti e le nostre abitudini, quindi, giocano un ruolo importante nella suscettibilità a particolari malattie e disturbi ma anche nella nostra capacità di resistere ai cambiamenti neurologici che avvengono con l’avanzare dell’età.

Ma quali sono i tratti della personalità che influenzano la nostra vita? Secondo la teoria postulata dai ricercatori Robert R. McCrae e Paul T. Costa, è, sono cinque:

  1. Gradevolezza o amicalità;
  2. Apertura all’esperienza;
  3. Coscienziosità;
  4. Stabilità emotiva o nevroticismo;
  5. Estroversione.

Per questo studio, i ricercatori canadesi hanno tenuto conto degli ultimi tre tratti: la coscienziosità, ovvero l’essere responsabili, organizzati e orientati agli obiettivi sul lavoro; la stabilità emotiva, ovvero la capacità di mantenere il proprio equilibrio psicologico senza lasciarsi trasportare dalle emozioni; l’estroversione, che comprende l’assertività e l’entusiasmo per l’interazione sociale.

I partecipanti all’indagine che hanno ottenuto punteggi alti per la coscienziosità hanno meno possibilità rispetto agli altri di sviluppare patologie legate al declino cognitivo (un rischio del 22% in meno). Invece, chi ha ottenuto molti punti nella stabilità emotiva dimostra una minore predisposizione a sperimentare depressione, ansia e insicurezza.

Per quanto riguarda l’estroversione, non sono stati trovati legami fra punteggi alti ottenuti in questa categoria e contenimento del declino cognitivo – sebbene gli estroversi tendono a mantenere il normale funzionamento cognitivo più a lungo nella loro vita in presenza di alti livelli di coscienziosità e bassi livelli di nevroticismo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Journal of Personality and Social Psychology / American Psychological Association

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook