Hai perso la motivazione per allenarti? Secondo uno studio potrebbe dipendere dal tuo intestino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha rivelato che l’equilibrio dei batteri intestinali può influenzare la nostra voglia di fare esercizio fisico, così come le prestazioni durante l’allenamento

Quando si tratta di fare esercizio, la motivazione è tutto. In effetti, andare in palestra o uscire per allenarsi all’aria aperta può spesso essere più impegnativo dell’attività fisica stessa.

Ora uno studio ha scoperto che la salute dell’intestino potrebbe essere connessa alla voglia e alla motivazione per fare esercizio.

Leggi anche: Così il nostro microbiota intestinale accumula inaspettatamente i farmaci, senza che ce ne rendiamo conto

Lo studio

Pubblicato su Nature, lo studio ha esaminato quali fattori interni, se ce ne sono, influenzano il nostro desiderio di fare sport.

I ricercatori hanno analizzato una vasta gamma di fattori, tra cui sequenze del genoma, specie batteriche intestinali e metaboliti del flusso sanguigno, cercando eventuali connessioni tra questi e la corsa volontaria quotidiana e la resistenza.

Hanno scoperto che con alcuni batteri intestinali benefici (in questo caso, Eubacterium rectale e Coprococcus eutactus) si hanno prestazioni di corsa migliori.

I ricercatori sono stati persino in grado di spiegare il meccanismo alla base di questa connessione. Per iniziare, questi batteri buoni producono piccole molecole note come ammidi di acidi grassi (FAA). Gli FAA stimolano quindi i recettori sui nervi nell’intestino, che si collegano direttamente lungo la colonna vertebrale al cervello, dove influenzano la motivazione aumentando il rilascio del neurotrasmettitore dopamina.

Sebbene sappiamo da tempo che i batteri intestinali possono influenzare l’umore attraverso l’asse intestino-cervello, questo studio è degno di nota perché traccia una connessione diretta tra specifici tipi di batteri e il desiderio di fare esercizio.

Infatti, i ricercatori hanno analizzato anche l’impatto che gli antibiotici possono avere su questi batteri intestinali, e hanno scoperto che possono influenzare le prestazioni di circa il 50%.

Gli studiosi pensano che l’assunzione di probiotici con questi batteri specifici potrebbe essere un modo sicuro ed efficace non solo per motivare la persona media a fare esercizio, ma anche per ottimizzare le prestazioni degli atleti professionisti.

Questo studio serve come ulteriore prova che l’intestino è il centro della nostra salute. E se non supportiamo una salute intestinale ottimale, non raggiungeremo gli altri nostri obiettivi di benessere, siano essi legati all’esercizio, al sonno, all’umore o a qualsiasi altro aspetto.

Fortunatamente, ci sono molti modi per sostenere la salute dell’intestino e del microbioma, tra cui evitare farmaci non necessari, mangiare molte fibre ed evitare lo zucchero, in questo modo manterrai il tuo ecosistema interno in equilibrio.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Fonte: Nature

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook