Non buttare le scorze di arachidi: 3 modi per riutilizzarle (che forse non conoscevi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come spieghiamo spesso, un rifiuto può trasformarsi in una risorsa preziosa che ci farà risparmiare denaro aiutando l'ambiente

Le arachidi sono un ottimo spuntino a metà mattina o a metà pomeriggio, o possono fornire la parte croccante che manca in una bella insalatona: il loro alto contenuto di acidi grassi Omega3 e di proteine li rende un alimento molto nutriente e sano.

Attenzione però a non comprare le arachidi già sgusciate e salate – per intenderci, quelle che troviamo in occasione di feste e aperitivi: esse, infatti, contengono alti livelli di sale dannosi per la nostra salute, che vanificano gli effetti benefici dell’assunzione di questo frutto.

Meglio preferire l’acquisto delle arachidi non sgusciate e occuparci personalmente della rimozione delle scorze. Con questa scelta avremo ottenuto due vantaggi: da una parte mangeremo arachidi non salate e, quindi, più sane; dall’altra avremo ottenuto del materiale utilissimo in molti ambiti.

Le scorze delle arachidi non sono da considerarsi un rifiuto, ma una preziosa risorsa: oltre a diventare un ottimo compost per le nostre piante o per il nostro giardino, esse possono essere riutilizzate in mille modi – eccone qualcuno.

Nella lettiera del gatto

Le scorze delle arachidi svolgono un’azione drenante, aiutano cioè il passaggio dei liquidi senza trattenerli. Ecco perché possono essere considerate la materia prima ideale per la lettiera del nostro gatto.

Dopo averli sciacquati con acqua e sapone neutro, lasciamo asciugare al sole le scorze senza preoccuparci di ridurle in parti più piccole. Una volta asciutte, sistemiamole all’interno della cuccia del gatto, al posto della tradizionale lettiera.

Da un rifiuto abbiamo ottenuto un accessorio fondamentale per l’igiene del nostro amico a quattro zampe. Se vogliamo, possiamo cospargere le scorze delle arachidi con un sottile strato di bicarbonato di sodio per un’azione anti-odore.

Nel camino

Le scorze delle arachidi sono costituite da materiale fibroso simile al legno. Si tratta quindi, di materiale altamente infiammabile che prende fuoco con facilità. Se abbiamo un camino, possiamo utilizzare queste scorze in luogo di cartacce e fogli di giornale che di solito vengono usati per avviare le fiamme.

Se abbiamo grandi quantità di scorze di arachidi, possiamo con esse alimentare il fuoco del camino al posto della legna. L’ideale sarebbe conservare le scorze di arachidi durante tutto l’anno, in modo da poterle sfruttare nei mesi invernali come eco-combustibile per il camino.

Leggi anche: Sai come smaltire correttamente la cenere del camino o della stufa a pellet?

Negli imballaggi

Per proteggere oggetti fragili come ceramiche e statuette durante il trasporto, si usa solitamente il polistirolo, che è un materiale plastico derivante dal petrolio e altamente inquinante. Sapevate che possiamo sostituirlo con le scorze di arachidi, che sono sicuramente molto più ecologiche e sostenibili?

Questo rifiuto organico ci permetterà di ammortizzare gli urti durante il trasporto di merce fragile senza impattare sull’ambiente. Una volta arrivati a destinazione, possiamo buttare le scorze nel contenitore dei rifiuti organici.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook