Sai come smaltire correttamente la cenere del camino o della stufa a pellet?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cenere del camino: prima di buttarla (nel contenitore giusto), riutilizziamola per la cura della casa e delle piante in questi semplici modi

Ora che fa freddo non è raro avere a che fare con un particolare tipo di rifiuto, e non è raro che sorgano dubbi circa il suo smaltimento: stiamo parlando della cenere. Che provenga dal camino o dalla nostra stufa a pellet, dove dobbiamo buttarla per non commettere errori? Ma, soprattutto, c’è un modo per riciclarla e trasformarla in una risorsa? Facciamo chiarezza sulla questione.

Dove si butta la cenere

La cenere, se ci pensiamo bene, è un composto organico: non è altro che quello che resta della combustione del legno – sia esso cippato, pellet (per la stufa) o ciocchi (per il camino). Essendo materiale organico, possiamo conferirlo nel contenitore dell’umido o in quello del compost senza problemi.

Prima di procedere con la raccolta della cenere, assicuriamoci che sia il camino (o la stufa) che l’esito della combustione siano ben freddi per non rischiare di farci male o di dare vita accidentalmente a un incendio smuovendo della cenere non completamente raffreddata.

Raccogliamo tutta la cenere con l’aiuto di un aspira-cenere o, in alternativa, di una piccola scopa e di una paletta, poi gettiamo tutto quello che abbiamo raccolto nel contenitore dei rifiuti organici.

Attenzione: se nel camino abbiamo fatto bruciare cose diverse dalla semplice biomassa (ad esempio carte di giornale, mozziconi di sigaretta, legno verniciato o trattato in altro modo), la cenere ottenuta da questa combustione non è da considerarsi organico, ma andrà conferita nel contenitore dei rifiuti indifferenziati.

Come riutilizzarla

Ma sapevate che la cenere può essere una grande risorsa, utilizzabile in molti modi per la pulizia della casa e la cura delle piante? Trattandosi di biomassa bruciata, essa è ricchissima di sostanze nutritive e sali minerali utili per il terreno e per le piante.

Se abbiamo piante in vaso o un piccolo giardino, quindi, spargiamo la cenere ben fredda sul terreno per renderlo più nutriente e fertile. Attenzione, tuttavia, a non abusare: un eccesso di cenere potrebbe alterare troppo il pH del terreno e finire così con l’arrecare danni alle nostre piantine.

Leggi anche: Non buttare la cenere del camino, usala per pulire! Dalla lisciva allo sgrassatore, 5 modi per riusarla in casa

Se non abbiamo piante di cui occuparci, possiamo utilizzare la cenere per realizzare un detergente naturale, utilissimo per lucidare l’acciaio e l’argenteria, ma anche per pulire la lavagna bianca a pennarello, o ancora per sgrassare il piano cottura ed eliminare macchie e aloni.

In questo video vi forniamo tre ottimi modi per riutilizzare la cenere del camino o della stufa:

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook