Questo è il miglior frutto che puoi mangiare se hai cistite o infezioni urinarie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopri qual è il frutto che riesce a combattere le infezioni che colpiscono le vie urinarie come la cistite.

I mirtilli rossi non sono solo frutti molto amati, utilizzati in numerose ricette ma che presentano anche numerosi benefici per la nostra salute. Queste preziose bacche hanno origine nel continente americano, dove le popolazioni locali le utilizzavano per trattare una serie di problemi di salute, come per disinfettare le ferite. (Leggi anche: Il frutto rosso che riduce i rischi di infarto già due ore dopo averlo consumato)

Tuttavia, gli studi scientifici confermano che i mirtilli rossi sono utili anche per curare le infezioni delle vie urinarie o la cistite, grazie alle sostanze in essi contenuti come flavonoidi, antocianosidi, acido citrico e acido malico, in grado di svolgere un’azione antibatterica e di regolare il pH dell’urina.

Gli studi

Noti da tempo per le loro proprietà antinfiammatorie, i mirtilli rossi sono efficaci anche nella prevenzione delle infezioni, in particolare modo quelle del tratto urinario, una condizione che colpisce soprattutto le donne. A provocare la cistite, infatti, sono dei batteri, i quali possono passare dall’intestino all’uretra e finire poi nella vescica, provocando dunque le fastidiose infezioni. Uno studio pubblicato sulla rivista medica JAMA Internal Medicine ha concluso che l’assunzione di mirtilli rossi sotto forma di succo o pastiglie aiuta a contrastare virus e batteri e a prevenire le infezioni delle vie urinarie, incrociando i risultati di più ricerche precedenti.

Un altro studio del Canadian Journal of Microbiology ha analizzato gli effetti dell’estratto di mirtillo rosso sulla neutralizzazione dell’azione del batterio Proteus mirabilis, noto per essere responsabile delle infezioni del tratto urinario. I ricercatori della McGill University suggeriscono l’utilizzo dell’estratto nella prevenzione della colonizzazione batterica nei dispositivi medici, come ad esempio i cateteri e i tubi che trasportano fluidi e drenano l’urina, che fino a oggi hanno permesso ai batteri di entrare facilmente nel corpo e infettare il tessuto o il sangue.

Sono naturalmente necessari ulteriori ricerche per confermare queste ipotesi, ma nel frattempo aggiungere i mirtilli rossi nella propria dieta potrebbe essere una saggia decisione, soprattutto per liberarti da infezioni spiacevoli.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: JAMA / Canadian Journal of Microbiology

Sui mirtilli potrebbero interessarti anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook