Mangia più spesso le pere per ottenere questi importanti benefici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È uno dei frutti simbolo delle stagioni fredde, ma spesso è svalutato. È la pera, un super-cibo dai mille benefici per la nostra salute

È uno dei frutti simbolo delle stagioni fredde, ma spesso è svalutato. È la pera, un super-cibo dai mille benefici per la nostra salute

Con l’inizio della stagione autunnale, il banco del fruttivendolo si trasforma, tornando ad ospitare frutti meno dolci e seducenti di quelli che hanno colorato l’estate, ma non per questo meno nutrienti e salutari. Fra i frutti forse meno apprezzati dell’autunno vi è la pera, che è presente in numerose varietà e che nel nostro paese ha una tradizione di coltivazione molto antica.

Ricche di acqua (al punto da avere effetti diuretici), ma anche di vitamine (soprattutto quelle del gruppo B), di calcio e di boro (grande alleato del cervello, migliora la prontezza di riflessi e la memoria), le pere sono un vero e proprio concentrato di benefici per il nostro organismo. Altri benefici delle pere derivano dagli alti livelli di alcuni antiossidanti, i flavonoidi, che riducono le infiammazioni nell’organismo e abbassano il rischio di malattie croniche.

Da non sottovalutare, inoltre, è l’alto apporto di fibre che questo frutto fornisce al nostro corpo. Una pera di medie dimensioni può arrivare a contenere fino a 6 grammi di fibre, fra fibre solubili ed insolubili. Le fibre sono un elemento nutritivo fondamentale per il buon funzionamento del nostro apparato digerente e per la salute dell’intestino; inoltre, sono un alleato chiave nella prevenzione di infiammazioni e altri disturbi cronici. Questo perché le fibre, diversamente dal resto dei nutrienti che ingeriamo, non vengono assorbiti dal nostro corpo ma attraversano ‘intatte’ l’apparato digerente – assorbendo i liquidi o venendo assorbite da questi, a seconda del tipo di fibre:

  • Fibre solubili. Queste fibre possono aiutare l’intestino agendo come prebiotici e nutrendo i ‘batteri buoni’ presenti al suo interno; inoltre, hanno un effetto positivo sui livelli di colesterolo.
  • Fibre insolubili. Secondo uno studio condotto dalla Harvard School, le fibre insolubili non possono essere disciolte nell’acqua, ma assorbono i liquidi, contribuendo ad ammorbidire le nostre feci e favorendo la mobilità intestinale. Proprio per questo duplice effetto regolatore dell’attività dell’intestino, sono consigliate a chi soffre di stitichezza; inoltre, aiutano ad abbassare il rischio di malattie croniche come il diabete di tipo 2.

Ma come fare per inserire le pere come parte integrante della nostra alimentazione? Ecco qualche ricetta a cui ispirarsi per fare incetta di questo frutto in modo gustoso::

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Nutrients / Fondazione Umberto Veronesi / Journal of Food Composition and Analysis

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook