Pianta dei confetti: alla scoperta della Pachyphytum oviferum, facilissima da coltivare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Conosci la Pachyphytum oviferum? Si tratta di una pianta grassa originaria del Messico, e dall'aspetto molto particolare. Scopriamo insieme come curare, coltivare e propagare la comunissima pianta dei confetti

La Pachyphytum oviferum detta anche pianta dei confetti è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, ed è originaria del Messico.

Si presenta con foglie carnose e succulente, di color verde chiaro e ricoperte di pruina.

Questa pianta grassa si sviluppa sia in rosette sia in una sorta di cespugli arbustivi. Scopriamo come coltivarla e come prendersene cura per vederla crescere forte e rigogliosa.

Pachyphytum oviferum: cos’è e caratteristiche

pianta dei confetti

©zozulya/123rf

Il nome letteralmente significa “grossa pianta” e deriva dal greco pachys (grosso) e phytòs (pianta), ma il nome non rispecchia le sue reali dimensioni perché la pianta dei confetti non supera i 15-20 cm di altezza.

Si tratta di una pianta grassa di piccole dimensioni, ed è molto comune da trovare nelle case perché è abbastanza facile da coltivare. Viene detta anche pianta dei confetti perché le foglie grosse e turgide ricordano per la forma dei veri confetti.

Il Pachyphytum tende ad espandersi in larghezza, formando folti cespugli caratterizzati da foglie dalla forma arrotondata e con apice leggermente appuntito.

La pianta fiorisce in primavera, all’incirca da marzo a maggio, e produce dei fiori riuniti in infiorescenze a grappolo pendule. Ciò che li caratterizza sono i petali di colore arancione-rosso con una punta blu.

Leggi anche: Hippeastrum: come coltivare, curare e piantare i bulbi dell’Ippeastro

Pachyphytum compactum: coltivazione

La pianta dei confetti si coltiva molto facilmente; ecco alcuni accorgimenti da seguire.

La prima cosa da ricordare è che si tratta di una pianta grassa che ama le aree luminose ma non i raggi diretti del sole. Inoltre, non tollera le temperature al di sotto dei 10° C; quindi, in inverno è bene coltivarla in casa, mentre in estate può essere spostata all’esterno.

Ti consigliamo di utilizzare un terriccio leggero e sabbioso, e molto drenante. Una buona alternativa è fare un mix tra terriccio e ghiaia.

Il Pachyphytum va regolarmente innaffiato, avendo cura di evitare i ristagni di acqua. In estate ha bisogno di più acqua, mentre in inverno è bene sospendere del tutto le irrigazioni.

Leggi anche: Sedum: alla scoperta della pianta grassa super resistente al sole e al gelo

Propagazione per talea

La pianta dei confetti si può moltiplicare e propagare per talea. Ti consigliamo di procedre tra la primavera e l’estate, quando puoi mettere a radicare le foglie in un miscuglio di torba e sabbia.

Prima di interrarle, però, lascia asciugare all’aria le cicatrici delle talee. Innaffia con moderazione e posizionale in un luogo luminoso, e a una temperatura di circa 21°C.

Puoi rinvasare la tua pianta dei confetti quando lo spazio disponibile per lo sviluppo è diminuito. Procedi con molta attenzione, per evitare la rottura delle foglie e delle radici.

Pachyphytum: parassiti e malattie

Pachyphytum

©twlzart/123rf

Il Pachyphytum è sensibile all’attacco di diversi parassiti, come afidi e cocciniglia.

Può subire anche l’attacco da parte dal ragnetto rosso, ossia un microscopico acaro di colore rosso o marroncino che danneggia tnatissimo le foglie ricoprendole di macchie scure.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Altre piante grasse o succulente da coltivare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook