Talee: 10 consigli e trucchi per riprodurre le tue piante senza sbagliare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La tecnica di riproduzione per talea è utile per riprodurre piante identiche alla pianta madre. Scopriamo tutti i trucchi per non sbagliare.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Riprodurre per talea è utile se si desidera ottenere nuove piante evitando la semina. La talea è, infatti, una tecnica di moltiplicazione vegetativa.

Come si esegue? Occorre recidere delle piccole porzioni dalla pianta che si vuole propagare e, successivamente, far radicare le parti recise affinché si trasformino in nuove piantine.

La riproduzione per talea oltre alla maggiore rapidità rispetto alla semina, ha un altro vantaggio ossia consente di ottenere esemplari di piante geneticamente identici alla pianta madre.

Ecco i 10 consigli e trucchi per riprodurre le tue piante senza sbagliare.

Scegliere la pianta da riprodurre

Il primo consiglio è scegliere la pianta che si desidera “clonare”. Questa scelta deve essere fatta in modo oculato, poiché con la tecnica delle talee si ottengono piante geneticamente uguali; di conseguenza, il consiglio è guardare non solo alla bellezza della pianta, ma anche alla sua resistenza da eventuali malattie e parassiti.

Scegliere il momento ideale per la riproduzione

È importante scegliere quando procedere con la riproduzione per talea, poiché è sconsigliabile farla in piena estate o in pieno inverno, ovvero i periodi di massimo caldo e freddo. Meglio procedere, invece, a inizio primavera oppure a inizio autunno.

Contenitori per talee

Per coltivare le talee e fare bene anche all’ambiente, un consiglio è riciclare dei contenitori dove far crescere le nuove piantine. Ad esempio, i cartoni delle uova oppure dei vecchi bicchieri in vetro dove immergere le radici per far crescere le talee in acqua.

Dove posizionare la talea

Ricorda che le talee hanno bisogno sì di luce ma, al tempo stesso, devono essere posizionate al riparo dal sole diretto e dal vento. Quindi, il luogo ideale dove posizionare la talea in giardino è vicino a un muro oppure un porticato, mentre in casa è in un ambiente luminoso.

Scegliere le migliori piante da moltiplicare

La riproduzione per talea è una tecnica che va bene per diverse piante. Per una buona riuscita è bene scegliere le migliori, come:

  • rose
  • aloe vera
  • geranio
  • salvia
  • basilico
  • origano

Scelta del terriccio

Un altro trucco è scegliere bene il terriccio, che possa favorire la crescita, lo sviluppo e la fioritura rigogliosa della tua pianta.

Un consiglio è optare sempre per prodotti quanto più possibili naturali e biologici, che fanno bene all’ambiente. Uno dei migliori in commercio è il terriccio universale Organic & Recycled di COMPO. Si tratta di un prodotto composto da ingredienti 100% vegetali, che lo rendono altamente sostenibile e utile per diverse applicazioni. Privo di torba e arricchito con concime organico, è adatto alla coltivazione di ortaggi, frutti, piante aromatiche e ornamentali, in vaso o in piena terra. Inoltre, la pellicola di confezionamento è fatta con oltre l’80% di plastica riciclata proveniente dalla raccolta differenziata domestica, che contribuisce a ridurre significativamente le emissioni di CO2.

Irrigazione

Per favorire una crescita ottimale il sesto consiglio è di evitare annaffiature abbondanti; la talea ha bisogno di umidità ma mal sopporta troppa acqua, che potrebbe causare il marciume delle radici. L’ideale sarebbe procedere nebulizzandola solo quando necessario.

Concime

Oltre al terriccio è importante anche la scelta del concime, che serve a migliorare la fertilità del terreno, che a sua volta verrà arricchito di nutrienti fondamentali come azoto, fosforo, potassio, calcio etc..

In commercio è possibile trovare una vasta gamma di concimi; il nostro consiglio è optare sempre per un prodotto 100% naturale e biologico, come il concime Organic & Recycled di COMPO. Questo prodotto contiene ingredienti vegetali ottenuti da sottoprodotti dell‘industria alimentare, che lo rendono altamente sostenibile e utile per diverse applicazioni.

La linea COMPO include due diverse tipologie di concimi: quello liquido e quello granulare. Entrambi vegan friendly e biologici, ideali per nutrire tutte le tipologie di piante, ornamentali e orticole.

Anche in questo caso, vi è un’attenzione al materiale esterno; infatti, la confezione del concime liquido è fatta con più del 90% di plastica riciclata, mentre, l’imballaggio della versione granulare ha il cartone esterno fatto di carta riciclata e il sacchetto interno di plastica da post consumo.

Fai delle prove

La propagazione per talea è una tecnica semplice sì, ma che richiede diverse prove. Ricorda che non ci sono regole universali e, soprattutto, il comportamento delle piante non può essere prevedibile in quanto vi sono tanti fattori che possono influire sulla buona riuscita, come il clima, la specie, il periodo, il terreno etc.. Quindi, il nostro consiglio è fare delle prove, e non aver paura di sperimentare.

Pazienza

Un altro consiglio per coltivare le talee è la pazienza. Sì, perché per ottenere dei buoni risultati, bisogna saper aspettare. Le radici cresceranno nel giro di alcuni giorni o settimane; quindi, ti consigliamo di lasciar fare alla natura, e non avere fretta.

Abbiamo visto che anche per quanto riguarda la coltivazione per talea è importante cercare di utilizzare prodotti che rispettino l’ambiente e le risorse naturali, che favoriscano lo sviluppo di un’economia circolare, evitando gli sprechi, ed è proprio questo l’obiettivo di COMPO azienda leader di prodotti per il giardinaggio amatoriale.

Con la nuova e innovativa linea Organic & Recycled, la prima gamma di prodotti non solo biologici ma anche sostenibili che comprendono terriccio, concime liquido e granulare, COMPO tutela l’ambiente per evitare lo spreco di risorse.

L’azienda non solo ha ideato prodotti dalle formule biologiche, vegane e naturali, ma ha pensato anche agli imballaggi tutti costituiti da materie prime di seconda vita e riciclati. Ad esempio per le confezioni, sia il cartone sia la plastica, sono in materiale riciclato e anche ecologicamente compatibili. Il design, inoltre, è stato progettato in modo consapevole utilizzando una gamma di colori a basso impatto ambientale.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook