I 10 fiori autunnali più belli per avere un giardino coloratissimo anche dopo l’estate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche settembre è un mese ideale per dedicarsi al giardinaggio ed avere un giardino ricco di fiori colorati, rendendolo più accogliente e suggestivo. Ecco a te i 10 fiori autunnali più belli per tornare a colorare il tuo giardino.

Anche settembre è un mese ideale per dedicarsi al giardinaggio ed avere un giardino ricco di fiori colorati, rendendolo più accogliente e suggestivo.

I giardini fioriti autunnali, infatti, possono essere spettacolari e con le più varie combinazioni di colori che vanno dai toni del giallo, al viola, rosso e arancione. Tuttavia, per avere un’abbondanza di fiori in autunno, è consigliabile piantarli in primavera o all’inizio dell’estate, in modo che abbiano il tempo di stabilirsi o altrimenti acquistare alcune piante.

Ecco allora i 10 fiori autunnali più belli per tornare a colorare il tuo giardino.

Leggi anche: I lavori da fare a fine settembre nell’orto e nel giardino per prepararli al meglio all’arrivo dell’inverno

Colchico autunnale (Colchicum autumnale)

colchico

©Mariola Anna S/Shutterstock

Il colchico autunnale (Colchicum autumnale), chiamato anche falso zafferano, è una piccola pianta bulbosa erbacea dai fiori color rosa-violetto, appartenente alla famiglia delle Colchicaceae. Cresce prevalentemente in zone umide e all’ombra e, talvolta, i suoi fiori possono sbocciare già alla fine dell’estate, ma la sua maggiore fioritura si verifica in autunno.

Per una crescita sana, un consiglio è quello di ridurre l’irrigazione in piena estate, quando le sue foglie iniziano a morire ed ingiallire, per poi riprendere l’irrigazione a fine estate e mantenere il terreno moderatamente umido quando le foglie diventano di nuovo verdi.

Tuttavia, è bene ricordare che ogni parte della pianta è tossica, e se ingerito il colchico può provocare vomito, nausea, bruciore alla bocca, diarrea, tachicardia, convulsioni o asfissia. Di conseguenza, è meglio evitare di piantarlo intorno a bambini e animali domestici.

A tal proposito, qui vi avevamo parlato dei rischi e di come distinguere il colchico dallo zafferano: Colchico autunnale, come riconoscere il falso ‘zafferano’ tossico.

Campanula grandiflora (Platycodon grandiflorus)

Campanula

©Couleur/Pixabay

La Campanula grandiflora (Platycodon grandiflorus), è una pianta ornamentale coltivata in giardino e in vaso per la sua abbondante e prolungata fioritura estivo-autunnale, appartenente alla famiglia delle Campanulaceae.

Infatti, sebbene fiorisca per lo più durante la stagione estiva, può anche fiorire in autunno. Ciò nonostante, la campanula grandiflora preferisce terreni umidi e ben drenati e luoghi luminosi e soleggiati, ma regge bene anche temperature invernali molto rigide.

Inizialmente la pianta produce numerosi boccioli tondeggianti, che si aprono non appena sono pronti per fiorire. I suoi fiori sono a stella, con 4 o 5 lobi, di colore blu, lilla, bianco o rosa. Infine, oltre a tagliare le piante in primavera o in autunno, non è richiesta nessun’altra manutenzione.

Leggi anche: Le campanule britanniche battono le campanule spagnole. Rischiavano l’estinzione, ma sono salve!

Verga d’oro (Solidago)

Solidago verga d'oro

©shutterstock

La verga d’oro (Solidago), è una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, caratterizzata da fiori di colore giallo intenso. Inoltre, è anche una pianta molto utilizzata in erboristeria per le sue proprietà astringenti e antinfiammatorie.

Il suo periodo di fioritura si estende generalmente da agosto ad ottobre, ma è uno degli ultimi fiori a sbocciare in autunno. Esistono più di 100 specie nella famiglia delle verghe d’oro, le piante raggiungono in genere circa 1 metro di altezza e mostrano grappoli di piccoli fiori gialli nella parte superiore dei loro steli.

Collocata in pieno sole, la verga d’oro regala belle fioriture da cui si sviluppano poi frutti e, di conseguenza semi, che attirano passeri e cinciallegre nel giardino (leggi anche: con queste piante puoi attirare gli uccellini in giardino e nutrirli con i loro semi).

Anemone giapponese (Anemone x hybrida)

anemone giapponese

©shutterstock

L’anemone giapponese (Anemone x hybrida), è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Ranuncolaceae. Inizia a fiorire a fine estate e si caratterizza per i suoi bellissimi fiori bianchi e rosa.

Si tratta di una pianta molto facile da coltivare e richiede, infatti, poca manutenzione una volta stabilita. L’anemone giapponese predilige, inoltre, i luoghi parzialmente ombreggiati e riparati dal vento e non ama il caldo intenso. Nelle regioni meridionali va coltivata in luoghi protetti dai raggi diretti del sole, al fine di evitare il disseccamento delle foglie in seguito a scottature.

Erba Joe Pye (Eutrochium purpureum)

Eupatorium purpureum

©gardenia.net

L’Eupatorium purpureum è una pianta erbacea perenne cespitosa, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, che sviluppa capolini di colore rosa o bianco crema che sbocciano da metà estate sino ad inizio autunno.

Ogni pianta ha circa cinque o sette di questi fiori, che emanano anche un leggero profumo di vaniglia. Inoltre, le piante erbacee perenni vivono tutto l’anno e sopportano anche le temperature più rigide, vanno a riposo vegetativo durante la stagione invernale e riprendono la fase di vegetazione all’aumentare delle temperature.

Crisantemo (Chrysanthemum)

©123rf.com/anatoliyberislavskiy

Il crisantemo è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteraceae o Compositae, originaria dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa, coltivabile in vaso o in giardino per avere balconi e aiuole fiorite.

Infatti, il crisantemo regala bellissime ed abbondanti fioriture anche nei mesi freddi, quando il resto della vegetazione è a riposo. Anche se sono già acquistabili in autunno, se hai intenzione di coltivare il crisantemo è meglio piantarlo in primavera, in modo che si stabilisca prima che arrivi il freddo.

La fioritura del crisantemo varia in base alla specie, infatti anche se generalmente fiorisce a partire dal mese di settembre e fino alle prime gelate, alcune specie producono fiori durante l’estate. I fiori dei crisantemi sono capolini e possono variare di forma, dimensione e colore in base alla varietà della pianta, con colori che vanno dal bianco al rosso.

Ti potrebbe interessare anche: La leggenda dei crisantemi e il loro significato simbolico

Aster (Astereae)

aster

©Ralphs_Fotos/Pixabay

Questi delicati fiori simili a margherite iniziano ad aprirsi a fine agosto e continuano fino al gelo. L’Aster (Astereae) è una pianta perenne e ti tipo erbaceo appartenente alla famiglia delle Asteraceae, molto diffusa e di cui si contano diverse centinaia di specie.

Ogni specie si presenta con caratteristiche molto differenti e negli anni si sono aggiunti tanti ibridi, data la loro estrema capacità di adattarsi all’ambiente e regalare belle fioriture. Infatti, si tratta di una pianta molto decorativa in autunno, con fiori in colori che vanno dal bianco alle tonalità del panna, rosa, rosso e porpora, fino all’azzurro, violetto e blu.

Elenio (Helenium)

Helenium

©Antranias/Pixabay

L’Helenium, comunemente chiamato Elenio, è una pianta erbacea da fiore ideale per abbellire le aiuole del giardino e facile da coltivare anche in vaso. Per fiorire copiosamente prediligono i luoghi soleggiati per molte ore al giorno e riparati dal vento, ma tollerano bene sia le alte temperature estive che gli inverni rigidi.

L’elenio è caratterizzato da fiori simili a margherite in tonalità rosso brillante e oro e da petali che sono rivolti verso l’esterno o cadenti verso il basso. Fioriscono generalmente dalla fine dell’estate all’inizio dell’autunno.

Girasole (Helianthus)

girasole leggenda

@ Jon Craig Hanson/123rf.com

Il girasole (Helianthus), è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteraceae, dai fiori allegri e colorati. La pianta perenne, rispetto ai girasoli annuali che possono crescere fino 4 metri di altezza e generare fiori delle dimensioni di un piatto, fiorisce verso la fine della stagione estiva e produce fiori più piccoli.

Inoltre, possono essere molto semplici da coltivare e non richiedono grandi conoscenze di giardinaggio per poter essere seminati, ma solo la giusta dose di impegno e costanza (leggi anche: quando piantare i semi di girasole per avere “infuocate” fioriture d’estate).

Coreosside (Coreopsis)

Coreosside

©shutterstock

Il genere Coreopsis comprende circa 30 specie di piante erbacee perenni o annuali ed ospita molte piante da giardino popolari, la cui maggior parte fiorisce periodicamente durante la stagione estiva. Tuttavia, se potate dopo la fioritura, la pianta metterà su una gloriosa esposizione floreale autunnale.

I fiori delle coreopsis sono grandi, generalmente di colore giallo o arancione. Alcune varietà, come la Coreosside tinctoria, presentano sfumature di altri colori al centro della corolla. Sono, inoltre, semplici da coltivare, richiedono terreni ben drenati e vanno collocate in pieno sole.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook