Erbe aromatiche: come e quando riprodurre per talea rosmarino, salvia e lavanda

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hai mai provato a riprodurre per talea le piante aromatiche? Scopriamo insieme come e, soprattutto, quando propagare per talea tre erbe aromatiche: salvia, rosmarino e la profumatissima lavanda

Coltivare per talea significa riprodurre una pianta identica alla pianta madre. Questa tecnica consiste nel prelevare dalla pianta che si è deciso riprodurre una piccola parte, detta appunto talea.

Quest’ultima può essere trasferita in acqua oppure in terra, in modo che possa sviluppare tutte le parti mancanti, ossia le radici, per poi diventare una nuova pianta a se stante e di cui prendersi cura.

Possono essere riprodotte per talea tantissime varietà di piante, anche le erbe aromatiche; scopriamo insieme come procedere.

Quando riprodurre per talea le piante aromatiche?

Se ti stai chiedendo quando riprodurre per talea le piante aromatiche, c’è da dire che il momento ideale cambia in base alla pianta scelta. Solitamente, però, il periodo migliore è in primavera oppure in estate, tra agosto e inizio settembre.

Per quanto riguarda il rosmarino puoi procedere in primavera oppure verso settembre, per la lavanda il periodo migliore è a fine estate mentre per la salvia il mese di aprile è perfetto se si desidera moltiplicarla per talea.

Come riprodurre per talea rosmarino, salvia e lavanda

Prima di procedere con la propagazione per talea è bene sottolineare che una volta estratto il pezzetto dalla pianta madre, questo non deve perdere acqua altrimenti non avrà la capacità di sviluppare le nuove radici.

Inoltre, le talee sono piccole e molto fragili, quindi, vanno protette dal troppo freddo o dal caldo eccessivo, e dal vento.

Ultimo, ma non meno importante, ricorda che per far sì che la riproduzione per talea vada a buon fine occorre avere pazienza perché solo con il passare del tempo la piccola piantina riuscirà a svilupparsi e a crescere.

Per aiutare la pianta a sviluppare le radici si possono utilizzare alcuni prodotti reperibili in commercio, come gli ormoni radicanti che, però, non sono necessari: la talea farà tutto in modo autonomo.

Talea di rosmarino

rosmarino

©sashakochetkova/123rf

La propagazione per talea del rosmarino può essere eseguita sia in primavera sia in autunno. Ecco come fare:

  • preleva un rametto semi legnoso di circa 15 centimetri
  • il taglio alla base deve essere obliquo e appena sotto un nodo
  • l’altro taglio si fa all’apice del rametto
  • rimuovi le foglie, lasciando solo una piccola parte all’estremità
  • la talea di rosmarino può essere messa subito in vaso in un terriccio da tenere sempre umido, oppure in acqua.

Se si sviluppa in acqua ricordati di trasferire la pianta in vaso solo quando e se le radici sono ben sviluppate.

Leggi anche: Se il tuo rosmarino è in fiore, prepara questa acqua aromatizzata dagli incredibili effetti benefici

Talea di salvia

salvia

©oanacarare/123rf

La propagazione per talea della salvia si fa ad aprile. Per procedere, ecco come fare:

  • preleva una talea di circa 10 centimetri da un ramo semi lignificato
  • elimina le foglie lungo lo stelo, lasciandole solamente sull’estremità superiore
  • trasferisci la tua talea in un vaso precedentemente riempito con terriccio e sabbia
  • riponi il vaso in un luogo luminoso, ma non a diretto contatto con la luce del sole
  • per favorire lo sviluppo della talea di salvia ricorda di mantenere il terreno umido, evitando ristagni di acqua.

Leggi anche: Perché la salvia è l’erba alleata delle donne

Talea di lavanda

lavanda

©belchonock/123rf

Le propagazione delle talee di lavanda va effettuata a fine estate, quando ormai la pianta ha terminato il periodo di fioritura. Ecco come fare:

  • taglia dei rametti dalla pianta madre della lunghezza di circa 15 cm
  • rimuovi foglie e germogli dalla parte inferiore del ramo
  • a questo punto puoi interrare la talea, lasciando fuori terra le foglioline e due centimetri di talea, in modo che possano formarsi le radici
  • le talee di lavanda prediligono l’ombra, il terreno umido e senza ristagni
  • ricorda di posizionarla in un punto luminoso e al riparo dal vento.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook