BPA: probabilmente siamo esposti al Bisfenolo A molto più di quanto abbiamo sempre pensato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il bisfenolo A (o BPA) è una sostanza chimica pericolosa presente in molti prodotti di uso comune, ad esempio le bottiglie in plastica dura. Un nuovo studio sostiene che l’esposizione a questa sostanza potrebbe essere in realtà molto più alta di quanto si credeva in precedenza.

Abbiamo parlato più volte del bisfenolo A e dei rischi per la nostra salute dell’esposizione a questa sostanza, considerata un interferente endocrino. Alcuni studi hanno infatti collegato il BPA a un elevato rischio di problemi di fertilità e alcuni tumori ma, nonostante ciò, rimane ampiamente utilizzato per indurire la plastica, prevenire la corrosione dei metalli e rivestire la carta.

Questa sostanza si trova spesso nei rivestimenti delle lattine che contengono cibo, sulle ricevute, nelle attrezzature mediche e nelle bottiglie d’acqua di plastica dura.

Ora un nuovo studio aggiunge un tassello in più alla questione spiegando che la modalità con cui gli scienziati di solito misurano il bisfenolo A potrebbe sottovalutare drasticamente la nostra esposizione a questa sostanza chimica.

Attualmente, la nostra esposizione al BPA viene generalmente misurata utilizzando quello che è noto come metodo indiretto. Il nuovo studio, pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology, suggerisce che questo metodo potrebbe non essere accurato e riporta che una tecnica più recente riscontra invece livelli di BPA molte volte superiori a quanto ci si aspetterebbe.

Cosa ha scoperto concretamente il nuovo studio? Quando il nostro corpo è esposto al BPA, inizia a scomporre rapidamente questa sostanza. Ciò significa che la maggior parte di ciò che si trova nelle urine umane (che vengono spesso utilizzate per monitorare l’esposizione), non è lo stesso BPA. Ciò che viene trovato sono infatti i metaboliti. Fino a poco tempo fa, i ricercatori non potevano misurare direttamente quei metaboliti e l’unico modo in cui potevano determinare i livelli di esposizione nell’uomo era, indirettamente, convertendo i metaboliti in BPA.

Ma negli ultimi anni, hanno iniziato a emergere nuovi metodi diretti, in modo che “in un colpo solo, si misura il BPA e i suoi metaboliti“, afferma Roy Gerona, Ph.D., assistente professore presso la School of Medicine presso l’Università della California di San Francisco, che gestisce il laboratorio di tossicologia clinica e di biomonitoraggio ambientale dell’UCSF. Tuttavia, questi metodi non sono ancora stati ampiamente adottati.

Gerona, l’autore principale del nuovo studio, ha lavorato per anni su un metodo diretto per misurare i metaboliti del BPA. Nel nuovo studio voleva confrontare questa nuova tecnica con una simile con approccio indiretto.

Il suo team ha usato entrambe le tecniche per analizzare i campioni di urina raccolti da 29 donne in gravidanza, cinque donne non in gravidanza e cinque uomini. Il nuovo metodo diretto ha rilevato livelli di BPA quasi 19 volte superiori a quelli individuati utilizzando il metodo indiretto. E sembrava che maggiore era la concentrazione di BPA, più il metodo indiretto la sottovalutava.

“Se le conclusioni sono vere e possono essere generalizzate ad altre popolazioni, le comunità di ricerca e di regolamentazione di tutto il mondo hanno sistematicamente sottovalutato i rischi per la salute posti dal BPA, forse con un margine piuttosto ampio” ha commentato Jonathan Martin, Ph.D., un professore del dipartimento di scienze ambientali e chimica analitica dell’Università di Stoccolma, che non era coinvolto nel nuovo studio. 

Ma lo stesso professore ha sollecitato anche la cautela nell’interpretazione dei risultati del nuovo studio, che è piuttosto piccolo:

“L’entità del problema mostrato qui potrebbe non essere ampiamente generalizzabile. Sto riservando il giudizio fino a quando risultati come questi possano essere replicati in altri laboratori con altri campioni”.

Ricordiamo infine che la FDA e le sue controparti in Canada e nell’Unione Europea affermano che il BPA utilizzato negli imballaggi e nei contenitori per alimenti non presenta rischi per i consumatori.  Ma l’Autorità europea per la sicurezza alimentare sta attualmente rivedendo le ricerche più recenti sul BPA e potrebbe aggiornare le sue raccomandazioni nel 2020. Staremo a vedere cosa esce fuori…

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook