vitamina-d-dove-si-trova

La vitamina D è fondamentale per la buona salute delle ossa ma anche per mantenere attivo il sistema immunitario e per altre funzioni del nostro organismo. Ma dove si trova questa sostanza ed esattamente a cosa serve la vitamina D?

Innanzitutto è fondamentale sapere che solo in parte riusciamo ad assicurarci il fabbisogno di vitamina D attraverso l’alimentazione, per il resto abbiamo bisogno di esporci regolarmente alla luce del sole. La vitamina D è liposolubile, ovvero si scioglie nei grassi, la particolarità di questa sostanza è che, a differenza delle altre vitamine, si comporta come se fosse un ormone, andando ad agire su diversi organi e tessuti. Molti studi nel corso degli anni hanno dimostrato la sua importanza nella prevenzione di diverse patologie tra cui tumori e disturbi del sistema nervoso ma anche nei confronti delle più banali infezioni. Livelli bassi di questa vitamina possono portare alla comparsa di varie patologie, importante quindi, soprattutto superata una certa età o in caso di presunte carenze, fare le dovute analisi del sangue per valutare il dosaggio di vitamina D nel sangue.

Leggi anche: VITAMINA D: SINTOMI E CONSEGUENZE DI UNA CARENZA

DOVE SI TROVA LA VITAMINA D

Esistono due modi per assicurarsi la dose giornaliera di vitamina D, il primo è esporsi al sole ogni giorno per almeno 20-30 minuti. Attraverso l’esposizione regolare e moderata alla luce solare, infatti, la nostra pelle è in grado di sintetizzare questa vitamina. Importante lasciare scoperti viso e mani e, quando possibile, meglio aumentare la superficie cutanea esposta lasciando scoperte anche braccia e gambe.

Bisogna stare attenti però ad alcuni fattori che ostacolano la produzione di questa sostanza. Ad esempio le protezioni solari che se da una parte ci proteggono dai raggi ultravioletti dall’altra non permettono la sintesi di vitamina D. Vi consigliamo quindi di utilizzare le creme protettive nelle ore più calde del giorno riservando almeno una mezz'ora di tempo ad una esposizione senza crema (ovviamente quando il sole è basso e non vi è più il rischio di scottature).

Altri fattori che inibiscono l’assorbimento di vitamina D sono l’obesità, un’esposizione alla luce che avviene dietro una finestra (il vetro ostacola il passaggio delle radiazioni solari) l’inquinamento atmosferico e l’anzianità (superata una certa età, infatti, si va incontro fisiologicamente ad una minore produzione cutanea di vitamina D).

Con alcuni alimenti è possibile assumere vitamina D anche se in maniera non sufficiente a raggiungere il fabbisogno. Si tratta in particolare di cibi di origine animale come pesce, latte e uova o di alimenti fortificati (in cui quindi è ben indicata in etichetta la presenza di vitamina D addizionata). Esistono anche alcuni alimenti di origine vegetale con un certo quantitativo di questa vitamina, si tratta in particolare dei funghi.

vitamina d alimenti

In alcuni casi, su consiglio del proprio medico curante o pediatra (anche i bambini sono spesso carenti), può essere utile servirsi di un integratore di vitamina D. Spesso l’integrazione viene consigliata nei periodi dell’anno più freddi e nuvolosi quando non si riesce a raggiungere il fabbisogno giornaliero di questa vitamina con una regolare esposizione alla luce solare.

Leggi anche: GLI INTEGRATORI DI VITAMINA D

A COSA SERVE LA VITAMINA D

La vitamina D è fondamentale per la buona salute delle ossa (dato che regola il metabolismo del calcio sia per quanto l’assorbimento che la fissazione del minerale nelle ossa) del sistema nervoso e del cuore. La sua carenza può portare a sviluppare osteoporosi ed anemia negli adulti o rachitismo nei bambini.

Questa vitamina è di fondamentale importanza per la mineralizzazione di ossa e denti e dunque essenziale per la crescita nel caso dei più piccoli e per la salute generale del corpo quando si tratta di adulti o anziani. La vitamina D interviene anche nell’assorbimento a livello intestinale di altri minerali preziosi per il nostro organismo (come il fosforo) oltre che si mostra utile nella regolazione del sistema nervoso. Una costante esposizione al sole con conseguente produzione di vitamina D aiuta ad esempio in caso di depressione.

Questa vitamina è poi utile per il buon funzionamento del sistema muscolare, per rafforzare le difese immunitarie prevenendo in particolare le infezioni ma anche agendo come protezione contro alcuni tipi di tumori e malattie come l’Alzheimer. 

È evidente quindi quanto sia importante garantirsi sempre il giusto apporto di vitamina D considerando che questo varia in base all’età o a condizioni particolari (ad esempio la gravidanza).

Francesca Biagioli

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram