Bere questa quantità di tè potrebbe ridurre il rischio di diabete di tipo 2

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una revisione sistematica e una meta-analisi di 19 studi di coorte che hanno coinvolto più di 1 milione di adulti provenienti da otto paesi hanno rilevato che il consumo moderato di tè nero, verde o Oolong è legato a un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Una nuova ricerca presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) del 2022 ha analizzato i dati di quasi 20 studi su un milione di adulti e ha trovato un legame tra il consumo di e un ridotto rischio di diabete di tipo 2. Ma tutto dipende da quanto tè bevi.

Lo studio ha scoperto che 4 tazze di tè al giorno potrebbero ridurre il rischio di diabete di tipo due. La ricerca sottolinea come il tè riduca il rischio della condizione di quasi un quinto.

Lo studio

La revisione sistematica e la meta-analisi di 19 studi di coorte hanno esaminato l’impatto del consumo di tè in otto paesi, con le varietà di tè nero, verde e Oolong.

Indipendentemente dal tipo di tè consumato, quattro tazze al giorno erano collegate a un rischio inferiore del 17% di sviluppare il diabete di tipo due in un decennio.

Il tè Oolong è un tè cinese tradizionale ottenuto dalla stessa pianta utilizzata per preparare la varietà verde e nera.

Le differenze nel tè riguardano il modo in cui viene elaborato.

Il tè verde non può ossidarsi molto, il tè nero, invece, può ossidarsi e il tè Oolong si ossida solo parzialmente.

La ricerca internazionale, guidata da scienziati cinesi, non ha esaminato alcun impatto dall’aggiunta di latte. Tuttavia, una ricerca separata suggerisce che quantità moderate di latte possono anche proteggere dalla malattia.

È noto da tempo che il tè può essere benefico per la salute grazie ai suoi composti antiossidanti, antinfiammatori e antitumorali.

L’autore principale Xiaying Li della Wuhan University of Science and Technology, ha dichiarato:

I nostri risultati sono entusiasmanti perché suggeriscono che le persone possono fare qualcosa di semplice, come bere quattro tazze di tè al giorno, per ridurre potenzialmente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno effettuato una revisione di tutti gli studi di coorte che hanno coinvolto 1.076.311 partecipanti provenienti da otto paesi.

Coloro che hanno bevuto da una a tre tazze al giorno hanno ridotto il rischio di diabete di appena il 4%. Ma per coloro che hanno consumato almeno quattro tazze al giorno la riduzione del rischio era pari al 17%.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare il dosaggio esatto e i meccanismi alla base di queste osservazioni, i nostri risultati suggeriscono che bere tè è utile nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2, ma solo a dosi elevate (almeno 4 tazze al giorno). Il motivo? I particolari componenti del tè, come i polifenoli, possono ridurre i livelli di glucosio nel sangue, ma potrebbe essere necessaria una quantità specifica di questi composti bioattivi per essere efficaci.

Data la natura osservazionale di questo studio, non è possibile dimostrare che il tè previene il diabete di per sé. Piuttosto potrebbe essere che le persone che bevono più tè evitino o bevano meno bevande zuccherate o equivalenti più dannose, oppure può darsi che abbiano altri comportamenti salutari che le portano ad avere un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Fonte: PubMed

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook