Diabete: questi sono i frutti più “pericolosi” che aumentano i picchi di zucchero nel sangue

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Considerata uno degli snack più salutari da mangiare, non solo perché contiene molte vitamine e fibre, ma anche perché è relativamente povera di calorie, la frutta potrebbe in realtà essere “pericolosa” per alcune persone

Tradizioni da superare

Se more, lamponi e cantalupo hanno semaforo verde per chi soffre di diabete, ci sono frutti – quelli che hanno un indice glicemico in genere più alto – dai quali chi ha questa patologia deve stare (più o meno) alla larga.

Spesso, infatti, si è convinti che almeno la frutta sia un toccasana per tutti e in uguale misura, ma non sempre è così. C’è in realtà tutta una serie di frutti che potrebbe peggiorare un quadro clinico già in bilico.

È il diabete, una condizione cronica, in cui i livelli di zucchero nel sangue diventano troppo alti. Per i pazienti di tipo 1 ciò accade quando il corpo non è in grado di produrre abbastanza insulina, che controlla la glicemia. Per il diabete di tipo 2, invece, molto più comune, l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue è solitamente causato dal sovrappeso o dall’esercizio insufficiente.

In ogni caso, uno degli aspetti più importanti è il controllo della glicemia.

Come fare? Seguire una dieta precisa ed evitare questa frutta:

Attenzione, inoltre, anche ai succhi di frutta industriali, troppo pieni di zuccheri aggiunti.Via libera invece, anche se sempre con moderazione, a:

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook