Tumori: i vegetariani hanno il 14% di rischio in meno di contrarre un cancro, la conferma in un nuovo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una recente ricerca i vegetariani hanno un minor rischio di contrarre un tumore, in particolare quello al seno, prostata e intestino.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

I vegetariani hanno una probabilità inferiore di sviluppare il cancro rispetto ai carnivori; questo è quanto afferma un ampio studio che collega il consumo di carne a un rischio maggiore di contrarre la malattia. (Leggi anche: Tumori: questa dieta mima digiuno per la glicemia può attivare le cellule “killer” contro il cancro. Lo studio italiano)

Lo studio

Un team di ricercatori dell’Università di Oxford ha analizzato i dati su oltre 470.000 pazienti, e ha scoperto che coloro che mangiano prevalentemente pesce hanno un rischio ridotto del 10% di sviluppare tumori. Inoltre, rispetto alle persone che mangiano carne regolarmente, coloro che ne consumano piccole quantità hanno un rischio inferiore pari al 2% di sviluppare la malattia.

Tuttavia, gli autori hanno chiarito che i loro risultati non hanno dimostrato in modo definitivo che il consumo regolare di carne aumenti il rischio di cancro, perché vi sono altri fattori a cui prestare attenzione, come il fumo e il grasso viscerale.

La ricerca ha anche rilevato che coloro che consumano carne cinque volte a settimana hanno un rischio inferiore del 9% di sviluppare il cancro all’intestino rispetto a chi mangia carne tutti i giorni.

Le donne vegetariane, inoltre, hanno il 18% di probabilità in meno di sviluppare il cancro al seno in postmenopausa, rispetto a quelle che mangiano carne regolarmente, anche se ciò potrebbe essere dovuto anche al loro indice di massa corporea.

Gli uomini vegetariani hanno un rischio inferiore del 31% di sviluppare il cancro alla prostata, mentre per i pescatari il rischio è inferiore del 20%. I risultati suggeriscono anche che le diete a basso contenuto di carne e le diete vegetariane possono avere un impatto sulla riduzione del rischio di alcuni tumori, in particolare quello all’intestino, al seno e alla prostata.

Quindi, questo nuova ricerca sottolinea quanto sia importante limitare il consumo di carne rossa e carne lavorata, e prediligere cereali integrali, verdura, frutta e legumi.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: BMC Medicine

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook