Una dieta ricca di fibre il segreto appena scoperto per sconfiggere l’antibiotico-resistenza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una recente ricerca le nostre scelte alimentari influenzerebbero il nostro microbioma intestinale e, a sua volta, anche la capacità del nostro organismo di resistere agli effetti degli antibiotici.

Gli adulti sani che seguono una dieta diversificata con almeno 8-10 grammi di fibra solubile al giorno, hanno meno microbi resistenti agli antibiotici nelle loro viscere. Questo è quanto riporta uno studio pubblicato dagli scienziati dell’Agricultural Research Service.

I microbi che hanno resistenza a vari antibiotici comunemente usati, come la tetraciclina e l’aminoglicoside, sono una rilevante fonte di rischio, e secondo gli esperti il problema della resistenza antimicrobica (AMR) è probabile che peggiori nei prossimi decenni.

La resistenza antimicrobica è in gran parte basata sul microbioma intestinale, e i risultati suggeriscono che modificare la propria dieta può aiutare a gestire tale problematica.

(Leggi anche: Questa popolare spezia che hai in dispensa supporta in modo inaspettato il tuo microbioma intestinale (ed è davvero un’ottima cosa)

Lo studio

In questo studio, i ricercatori stavano cercando associazioni specifiche dei livelli di geni di resistenza agli antibiotici, nei microbi dell’intestino umano con fibre e proteine ​​animali.

Hanno scoperto che seguire regolarmente una dieta con livelli elevati di fibre e livelli più bassi di proteine è significativamente correlato a livelli più bassi di geni in grado di resistere agli antibiotici (ARG).

I pazienti con livelli più bassi di ARG nei loro microbiomi intestinali avevano anche una maggiore abbondanza di microbi anaerobici stretti, ossia batteri che non prosperano quando è presente l’ossigeno, e sono un segno distintivo di un intestino sano con bassa infiammazione.

Ma al tempo stesso la quantità di proteine ​​animali nella dieta non stava a indicare alti livelli di geni di resistenza. L’evidenza più forte era legata a maggiori quantità di fibre solubili, che portavano a livelli più bassi di geni in grado di resistere agli antibiotici.

La fibra solubile, come suggerisce il nome, si dissolve in acqua ed è il principale tipo di fibra presente nei cereali come l’orzo e l’avena, nei legumi come fagioli, lenticchie e piselli, nei semi come semi di chia e frutta secca, e alcuni tipi di frutta e verdura come carote, frutti di bosco, carciofi, broccoli e zucca.

Questa ricerca sottolinea l’importanza dell’alimentazione, e di come le nostre scelte dietetiche forniscono cibo per i microbi intestinali; quindi, tutto ciò che mangiamo potrebbe aiutare a ridurre la resistenza antimicrobica modificando il microbioma intestinale.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: ASM Journal

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook