Friggitrici ad aria 2022: quale scegliere tra i tantissimi modelli in commercio? Le migliori 10, secondo Altroconsumo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Negli ultimi anni le friggitrici ad aria calda sono diventate molto popolari e vengono sempre più richieste e acquistate, non stupisce dunque che i modelli sul mercato siano molti. Per aiutare a scegliere i migliori, Altroconsumo ne ha confrontati 10 stilando una classifica che premia in particolare un prodotto Philips

Ormai tutti conoscono le friggitrici ad aria, elettrodomestici simili a piccoli forni, con i quali si può cucinare davvero di tutto e il vantaggio principale che offrono è quello di preparare cibi molto più leggeri e salutari, utilizzando pochissimo olio rispetto alle tradizionali friggitrici. Questo è probabilmente il motivo del loro grande successo.

Altroconsumo in proposito scrive:

Gli alimenti cucinati con le friggitrici ad aria sono più salutari perché si evitano i rischi degli effetti cancerogeni legati all’uso dell’olio da cucina ad alta temperatura. Se si presta quindi meno attenzione alla qualità del fritto, la friggitrice ad aria calda è una buona opzione: i cibi sono più leggeri e si evita il cattivo odore in tutta casa.

Ci sono poi da considerare i consumi energetici di questi elettrodomestici, che se da una parte è vero che sono alti, dall’altra non lo sono poi così tanto, se pensiamo che spesso vengono utilizzati per periodi di tempo molto limitati. Inoltre si risparmia anche olio e dunque gli esperti di Altroconsumo concludono che:

Possiamo dire che questo elettrodomestico è sostenibile da un punto di vista ambientale. Rispetto ad a una friggitrice ad olio, poi, è molto più semplice da pulire.

Secondo GfK, un’azienda internazionale che si occupa di analisi e divulgazione di dati, nel 2021 le vendite delle friggitrici in generale sono aumentate del 130,5% rispetto al 2020, un trendo positivo legato proprio all’acquisto di friggitrici ad aria, nonostante il prezzo medio di questi elettrodomestici non sia proprio alla portata di tutti (155 euro contro i 90 euro delle tradizionali friggitrici).

Visto il successo, non stupisce che ciascun produttore proponga diversi modelli, pensiamo ad esempio al caso eclatante di Philips che al momento ha in catalogo ben 23 modelli di friggitrici ad aria, che si distinguono per diverse capacità di carico e altre funzionalità e con prezzi che oscillano dai 135 ai 440 euro.

Situazione simile è quella del marchio Princess (19 modelli) e, in misura minore, di Moulinex (5), Tefal (4),  Severin ed Electrolux (3).

Le migliori friggitrici ad aria

Secondo il test di Altroconsumo, la migliore friggitrice tra quelle analizzate è la Philips HD9650/90 Premium Airfryer XXL che ottiene 73 punti su 100 in quanto:

  • ha generose dimensioni e un cestello molto capiente
  • le prestazioni di frittura sono ottime e i tempi di cottura veloci (il che compensa i consumi elevati)
  • è facile da pulire
  • mantiene il cibo caldo e alla temperatura ideale per 30 minuti

Il costo però è abbastanza elevato e va da 262 a 373 euro.

migliore friggitrice ad aria test

@Altroconsumo

Al secondo posto nella classifica delle friggitrici migliori troviamo l’Electrolux E6AF1-6ST con 69 punti su 100, penalizzata un po’ rispetto all’altra per i consumi troppo elevati. Valutati bene invece i programmi di cottura pre-programmati, il display digitale e il fatto di poter lavare in lavastoviglie tutti i pezzi smontabili.

Al terzo posto troviamo poi un altro modello Philips, HD9252/90 Essential Airfried Compact con 67 punti. Non consuma molto ed è facile da usare.

A seguire vi sono:

  • Tefal FW5018 Easy fry (66 punti)
  • Philips, HD9270/90 Essential Airfried XL (66 punti)
  • Severin Fr 2445 friggitrice ad aria calda XXL (65 punti)
  • Princess 182065 forno Aerofryer (64 punti)
  • Moulinex EZ501810 Easy fry & grill (63)
  • Princess 182025 Digital Aerofryer XXL
  • Princess 01.182060 Digital Aerofryer Deluxe XXL (62)

Un ultimo consiglio utile

Come suggerisce Altroconsumo:

Al momento dell’acquisto, è bene scegliere il volume giusto in modo da non dover ripetere le cotture durante un pasto: fino a 600 g per una persona, più di 900 g per una famiglia di 3 o 4 persone. Da tenere ben presente che il tempo di cottura è più lungo rispetto a una friggitrice a olio. Attenzione anche al tipo di modello che si sceglie: ci sono quelli collegati con le app e altri che adattano automaticamente temperatura e tempo di cottura secondo il cibo da preparare.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Altroconsumo

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook