@Rido/123rf

Vitamina D, i ricercatori avvertono: le linee guida sull’esposizione solare per sintetizzarla vanno rivisti!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una ricerca potrebbe essere necessario rivedere le linee guida sull’esposizione solare per una sintesi ottimale della vitamina D

Uno studio condotto dai ricercatori del King’s College di Londra, con il supporto del NIHR Guy’s e del St Thomas’ Biomedical Research Centre, ha testato le lunghezze d’onda ottimali delle radiazioni ultraviolette (UVR) per la produzione di vitamina D da parte della pelle umana alla luce del sole.

I raggi UV della luce solare possono causare scottature solari e cancro della pelle, tuttavia, è la fonte più importante di vitamina D essenziale per lo sviluppo e il mantenimento di ossa sane.

I consigli sulla salute pubblica per quanto riguarda l’esposizione alla luce solare tengono conto sia dei rischi sia dei benefici. Calcolare i potenziali rischi e i benefici dell’esposizione alla luce del sole non è semplice perché i risultati sulla salute variano considerevolmente con la lunghezza d’onda all’interno dello spettro UV del sole. Ad esempio, i raggi UVR del sole contengono meno del 5% di radiazioni UVB a lunghezza d’onda corta, ma questo è responsabile di oltre l’80% della risposta alle scottature. Ogni risultato sulla salute dell’esposizione solare dipende dalla lunghezza d’onda.

Lo studio

L’associazione tra lunghezze d’onda UVB specifiche e produzione di vitamina D è stata determinata più di trent’anni fa in campioni di pelle (ex vivo). Tuttavia, la scoperta era poco consolidata e ci sono stati dubbi sulla sua accuratezza. Questi dubbi compromettono i calcoli del rischio/beneficio per un’esposizione solare ottimale.

I ricercatori hanno misurato i livelli di vitamina D nel sangue in 75 giovani volontari sani, prima, durante e dopo l’esposizione parziale o totale del corpo a cinque diverse sorgenti artificiali UVR con diverse quantità di radiazioni UVB, per valutare il trade tra i benefici dell’esposizione solare, che includono la sintesi della vitamina D, rispetto ai rischi di scottature e cancro della pelle.

Hanno quindi confrontato i loro risultati con quelli che sarebbero stati previsti dal vecchio studio ex vivo sulla vitamina D, e hanno scoperto che lo studio precedente non è un predittore accurato del beneficio dall’esposizione ai raggi UVR.

Il nuovo studio, quindi, mostra che potrebbe essere necessario rivalutare i calcoli del rischio rispetto ai benefici derivanti dall’esposizione solare. 

Fonte: Fonte: King’s College London

Sulla vitamina D ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook