Street Art: l’artista portoghese che trasforma i rifiuti in fantastiche sculture urbane

bordalo cover

I rifiuti diventano arte, ancora una volta. In Portogallo ecco un nuovo portavoce della Trash Art. L’umanità è davvero fenomenale nel produrre rifiuti e di tanto in tanto qualche mente creativa decide di trasformarli in arte per sensibilizzare a questo tema molto importante.

La maggior parte dei rifiuti del Pianeta finisce per accumularsi nelle discariche o per inquinare le coste, i mari e gli oceani, creando delle vere e proprie isole di plastica. Una parte di questi rifiuti viene recuperata e trasformata in opere artistiche.

In passato vi abbiamo presentato vari artisti in grado di trasformare i rifiuti in opere originali, ma ora ecco le creazioni straordinarie dell’artista portoghese Bordalo II. Si tratta di sculture enormi che riproducono diverse specie di volatili.

Bordalo II crea sculture di uccelli nella sua città natale, Lisbona. Le realizza interamente con il recupero di rifiuti e materiali di scarto. Raccoglie di tutto, dagli pneumatici, alla plastica, agli oggetti di metallo abbandonati nelle discariche o lungo le strade della città.

bordalo 1

bordalo 2

bordalo 3

bordalo 4

bordalo 5

bordalo 6

Da questi materiali ormai ritenuti di scarso valore assembla grandi sculture in 3D che sembrano pronte ad entrare parte della scenografia di un film di fantascienza. Sono davvero spettacolari a nostro parere. Ammiratele in queste immagini.

Marta Albè

Fonte foto: facebook.com/bordaloII

Leggi anche:

Washed Ashore: quando l’arte nasce dai rifiuti raccolti sulle spiagge
Arte dai rifiuti: le sculture ricche di emozioni di Dario Tironi
Sculture subacquee: quando i rifiuti si trasformano in opere d’arte

Hipp

Cosa si nasconde davvero dietro ai prodotti biologici: viaggio nella biofattoria di Hipp

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Orticolario 2019

Torna la mostra dedicata a chi vive la natura come stile di vita

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

dobbiaco

tuvali
seguici su Facebook