Che ci fanno le Petunie nello spazio? Le immagini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli studenti di Earth to Sky Calculus, lo scorso 19 luglio, mentre la Sonda Cassini fotografava la Terra da Saturno, hanno spedito delle petunie nello spazio

Petunie nello spazio. No no, tranquilli, non avete alzato il gomito. Quello che vedete è reale ed è un esperimento condotto dagli studenti di Earth to Sky Calculus, che lo scorso 19 luglio, proprio mentre la Sonda Cassini fotografava la Terra da Saturno, hanno spedito i fiori nello spazio.

Precisamente nella stratosfera, a quasi 34 mila chilometri, a bordo di una mongolfiera alimentata da elio. Un viaggio di sole 2 ore quello delle petunie, dopo un’ora paracadutate di nuovo sulla Terra.

Perché? I fiori sono stati spediti in orbita per la rara foto ma anche per capire come avrebbero reagito ad un viaggio di questo tipo nello spazio.

Il risultato? Alla partenza, i fiori erano freschi e pimpanti, di un bel rosa quando hanno lasciato la Terra. Un ora più tardi, nella stratosfera, i fiori apparivano già più flosci, quasi appassiti ma non lo erano. In realtà, essi erano solo congelati.

Come si vede dalla gallery di immagini qui sopra, i petali si sono piegati verso il basso per via del vento durante la salita, e si sono congelati dopo aver attraversato la tropopausa, dove la temperatura era di -63° C. Si può notare che i fiori erano gelati perché quando il pallone è esploso essi sono rimasti comunque rigidi, senza muoversi di un solo millimetro.

Infine, essi hanno fatto ritorno sulla Terra vivi e vegeti attraverso un paracadute e hanno assunto un bel colore viola scuro. Forti e resistenti, anche ai viaggi spaziali!

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

Leggi anche:

Che ci fanno i ragni su Marte?

Foto: Earth to Sky Calculus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook