Cibi spazzatura e declino cognitivo: ecco cosa succede al tuo cervello mangiando hamburger e patatine fritte ogni giorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio ha rilevato che consumare fino a un quinto delle calorie giornaliere dagli alimenti trasformati può causare infiammazione e, di conseguenza, declino cognitivo più veloce del 28%

Mangiare un hamburger e patatine fritte o due salsicce al giorno può aumentare il rischio di soffrire di Alzheimer: questo è quanto hanno scoperto gli scienziati dietro un nuovo e importante studio.

I ricercatori brasiliani che hanno monitorato 10.000 persone per dieci anni hanno scoperto che coloro che ricevevano un quarto delle loro calorie dagli alimenti trasformati, comprese bibite e patatine fritte, avevano un declino cognitivo del 28% maggiore rispetto a quelli che non mangiavano questi alimenti.

Leggi anche: Alzheimer: fare le pulizie domestiche ridurrebbe il rischio di demenza del 21%, secondo un ampio studio

Lo studio

Nello studio, presentato alla Conferenza internazionale dell’Alzheimer’s Association del 2022 a San Diego, in California, gli scienziati hanno seguito 10.000 persone dal 2008 al 2019.

Erano equamente divisi per sesso, avevano in media 51 anni e vivevano in sei città brasiliane.

Ciascuno consumava in media circa 785 calorie al giorno da alimenti trasformati, ovvero il 27% della propria dieta. Tre quarti hanno ottenuto più del 20% delle loro calorie dagli alimenti trasformati.

Gli alimenti trasformati sono stati definiti come “formulazioni industriali” di sostanze alimentari (oli, grassi, zuccheri, amido e isolati proteici) che contengono pochi o nessun cibo intero e in genere includono coloranti aromatizzanti, emulsionanti e altri additivi. Tra questi alimenti troviamo patatine fritte, hamburger, gelati, caramelle, bibite e molti altri ancora.

Ogni partecipante ha compilato un questionario all’inizio e alla fine dello studio sulla propria assunzione con la dieta.

Hanno anche completato i test sul ricordo ritardato delle parole, sul riconoscimento delle parole e sulla fluidità verbale per misurare i cambiamenti nella loro cognizione.

I risultati hanno mostrato che coloro che mangiavano il cibo più trasformato, oltre un quarto delle calorie giornaliere, avevano un tasso di declino cognitivo del 28% più veloce rispetto a quelli che ne mangiavano di meno. Avevano anche un tasso di declino delle funzioni esecutive più rapido del 25%.

Quindi, è stato scoperto che il consumo di questi alimenti, come hamburger, patatine e salsicce, può innescare “processi infiammatori” o lesioni nel cervello, che possono aumentare la velocità del declino.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: Neurology

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook