Grelina: cos’è, a cosa serve e come tenere a bada l’ormone della fame

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La grelina è un ormone normalmente prodotto nello stomaco quando è vuoto. Definito anche ormone della fame, scopriamo perché alti livelli di grelina interferiscono con la perdita di peso.

La grelina è un ormone che viene prodotto e rilasciato nello stomaco. Le persone spesso lo chiamano “l’ormone della fame” perché aumenta l’appetito, promuove anche la regolazione della glicemia, previene la disgregazione muscolare e protegge il cuore. (Leggi anche: Ecco l’ormone che spegne la fame. La scoperta dell’Università di Bari)

Grelina: cos’è

La grelina è un ormone prodotto principalmente nello stomaco quando è vuoto; viene anche prodotto nell’intestino tenue, nel cervello e nel pancreas.

Questo viaggia attraverso il flusso sanguigno fino al cervello, dove agisce sull’ipotalamo, ossia la parte del cervello che produce gli ormoni che regolano la fame, l’umore, la sete e molte altre importanti funzioni. La grelina è spesso indicata come l’ormone della fame, perché il suo ruolo principale è quello di regolare l’appetito. Quando la grelina attiva il suo recettore, il recettore del secretagogo dell’ormone della crescita, fa sì che una persona mangia più cibo e immagazzini grasso in eccesso.

Nelle persone che stanno cercando di perdere peso o che hanno perso peso di recente, i livelli di grelina sono spesso più alti, il che rende difficile mantenere sotto controllo la perdita di peso. Ad esempio, uno studio ha esaminato le persone con diabete che hanno partecipato a un programma di gestione del peso in 2 anni, i partecipanti che inizialmente avevano perso peso, lo hanno recuperato lentamente durante la durata della ricerca. Il team ha anche scoperto che la perdita di peso era associata a un aumento dei livelli di grelina e all’aumento della fame.

La grelina può anche segnalare al corpo di ridurre la termogenesi del grasso bruno. Quando ciò accade, il corpo brucia meno grasso a riposo. Il grasso bruno è noto per le sue proprietà termogeniche, e la capacità di aumentare le calorie complessive bruciate.

Gli studi dimostrano che la grelina influenza anche il ciclo sonno/veglia, la sensazione del gusto e la voglia di cibo. Per tale ragione, molti esperti ritengono che livelli di grelina più elevati possano contribuire all’abuso di cibo e alcol.

Recentemente, i ricercatori hanno scoperto che questo ormone svolge anche altre funzioni, incluso il miglioramento della salute del cuore, la prevenzione dell’atrofia muscolare e l’influenza del metabolismo osseo. Può anche stimolare la secrezione di acido gastrico e accelerare lo svuotamento gastrico.

Cosa causa l’aumento dei livelli di grelina?

I livelli di grelina cambiano frequentemente durante il giorno, e sono controllati principalmente dall’assunzione di cibo. I livelli di solito aumentano quando lo stomaco è vuoto, e diminuiscono dopo aver mangiato.

Alcuni studi mostrano che le persone obese hanno livelli più elevati di grelina in circolazione. Questo può portare a un continuo stato di fame, e rendere difficile la perdita di peso. È interessante notare che gli esperti ritengono che le persone che hanno subito un intervento chirurgico per la perdita di peso hanno livelli più bassi di questo ormone, il che potrebbe rendere più facile mantenere il peso nella norma.

In particolare, una recente revisione ha rilevato che i livelli di grelina diminuiscono in modo significativo dopo la gastrectomia. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto al fatto che parte dello stomaco, ossia il fondo gastrico dove viene prodotta la maggior parte della grelina, viene completamente rimossa. Tuttavia, i risultati di altri studi non sono coerenti per altre procedure come il bypass gastrico. 

Infine, le persone con determinate condizioni di salute tendono ad avere livelli di grelina elevati; gli obesi e coloro affetti dalla sindrome di Prader-Willi (PWS) hanno livelli molto elevati di questo ormone, che possono avere un ruolo nel loro costante senso di fame e difficoltà a controllare il peso.

Anche le persone con tiroidite, anoressia nervosa, bulimia tendono ad avere i livelli di ormone della fame più elevati. La grelina si alza anche durante i periodi di stress; si ritiene che livelli più elevati abbiano un effetto ansiolitico.

Come aumentare i livelli di grelina

Sebbene livelli elevati di grelina siano comunemente percepiti come sfavorevoli e associati a un aumento dell’appetito, alcuni individui possono trarne beneficio. Ad esempio, chi deve aumentare di peso o è affetto dalla sindrome da deperimento può beneficiare degli effetti stimolanti dell’appetito propri della grelina.

Studi più recenti suggeriscono che la somministrazione di grelina potrebbe essere potenzialmente utile nei pazienti con cachessia da cancro, perché può aiutare a invertire la perdita di peso e la disgregazione proteica negli stati catabolici. Sebbene la somministrazione di grelina a breve termine sembri essere sicura e ben tollerata, sono necessari ulteriori studi sulla sua efficacia e sicurezza. Inoltre, uno studio che ha coinvolto uomini con HIV ha scoperto che il tetraidrocannabinolo (THC), il composto psicoattivo della cannabis, può stimolare il rilascio di grelina.

Come diminuire i livelli di grelina

I livelli di grelina possono aumentare dopo la perdita di peso. La diminuzione dei livelli può aiutare a ridurre l’appetito, prevenire il recupero di peso e promuovere il dimagrimento.

Tuttavia, è importante notare che altri studi evidenziano che il monitoraggio della sola grelina non è sufficiente per dimagrire, poiché vi sono  in gioco anche altri fattori comportamentali, fisiologici e ambientali.

Per ridurre i livelli di grelina occorre:

  • seguire una dieta sana: i livelli di grelina tendono ad aumentare quando si è a dieta, e non si ingeriscono abbastanza calorie. Evita il digiuno e segui una dieta ricca di tutti i nutrienti, in modo da limitare la secrezione di grelina. Uno studio ha individuato, ad esempio, che gli alimenti ricchi di fibre potrebbero ridurre i livelli di questo ormone.
  • dormire a sufficienza: avere un sonno sregolato è legato a livelli alti di grelina e livelli di leptina ridotti, che portano a un aumento dell’appetito e della fame. Per riposare meglio, mira a dormire almeno 7 ore a notte.
  • mangiare più proteine: il consumo di pasti e spuntini ricchi di proteine ​​può aiutare a promuovere la sazietà e ridurre i livelli di grelina. I ricercatori suggeriscono di assumere tra 1,2-1,6 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno, o il 25-30% delle calorie giornaliere per promuovere la gestione del peso e la soppressione dell’appetito. 
  • limitare lo stress: sebbene rimuovere del tutto lo stress sia quasi impossibile, gli studi dimostrano che alti livelli di stress cronico possono portare a livelli elevati di grelina. Oltre a segnalare la fame, la grelina può influenzare la funzione cerebrale.
  • fare esercizio: secondo una revisione i ricercatori hanno scoperto che l’esercizio fisico sopprime la produzione di grelina. Tuttavia, hanno anche scoperto che i programmi di esercizi a lungo termine possono avere l’effetto opposto.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Altri ormoni che ti potrebbero interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook