Alzheimer: il virus dell’herpes raddoppierebbe il rischio di demenza, secondo uno studio

Il virus dietro il comune raffreddore potrebbe esporre le persone a un rischio maggiore di contrarre la malattia di Alzheimer

Le cause profonde della demenza sono uno dei misteri più indagati nella scienza medica moderna. L’Alzheimer è il tipo più comune di demenza ed è spesso, ma non sempre, caratterizzato da aggregati proteici anomali nel cervello.

Ormai da anni, neuroscienziati e ricercatori farmaceutici si concentrano sulla prevenzione di questi accumuli per ridurre il declino cognitivo con poco o nessun successo.

Questi grumi, secondo gli esperti, hanno tutte le ragioni per esistere nel cervello. Potrebbero benissimo svolgere un ruolo nella risposta immunitaria del sistema nervoso centrale, riparando i danni o impedendo agli agenti patogeni di causare danni.

Alcuni tipi di Alzheimer potrebbero quindi essere il segno di una risposta di difesa “fuori controllo” ai microbi estranei.

Sulla base di ciò, uno studio condotto su circa 500.000 cartelle cliniche ha rilevato che alcune gravi infezioni virali, come l’encefalite e la polmonite, possono aumentare il rischio di malattie neurodegenerative, come il Parkinson o l’Alzheimer.

Tuttavia, a oggi non esistono ancora prove sufficienti per confermare il ruolo di agenti patogeni come l’HSV-1 nel declino cognitivo.

L’idea che le infezioni potessero scatenare alcune varianti della malattia di Alzheimer fu proposta per la prima volta nel lontano 1907, ma l’ipotesi fu ignorata e trattata con “molta ostilità” dalla comunità scientifica per molti decenni. Solo di recente è emerso come un percorso da seguire.

Negli anni ’90, per la prima volta furono trovati livelli insoliti di DNA dell’HSV-1 nel cervello di pazienti deceduti con Alzheimer. Più tardi, nel 2008, i ricercatori hanno scoperto che il DNA dell’HSV-1 era presente nel 90% delle placche proteiche nel cervello post-mortem dei pazienti affetti da Alzheimer. Inoltre, all’interno di queste placche è stato trovato il 72% del DNA dell’HSV-1 nel cervello. I risultati hanno suggerito che la risposta immunitaria al virus dell’herpes era strettamente legata al declino cognitivo.

Oggi, circa l’80% degli adulti in Svezia sono portatori dell’anticorpo per l’HSV-1, che lo sappiano o no, il che significa che il loro sistema immunitario è stato esposto all’agente patogeno in passato.

Mentre molti pazienti con herpes non sviluppano mai sintomi, altri affrontano di tanto in tanto riacutizzazioni di infiammazione e vesciche intorno alla bocca e alle labbra.

Il nuovo studio a lungo termine, su più di mille settantenni in Svezia, ha scoperto che coloro che sono esposti al virus dell’herpes simplex di tipo 1 (HSV-1) corrono il doppio del rischio di sviluppare demenza.

I risultati sono gli ultimi a suggerire che alcune infezioni virali comuni potrebbero essere una fonte trascurata di declino cognitivo.

Sempre più prove stanno emergendo da studi che, come i nostri risultati, indicano il virus dell’herpes simplex come un fattore di rischio per la demenza.

Lo studio

I ricercatori dell’Università di Uppsala e dell’Università di Umeå in Svezia hanno eliminato la confusione seguendo i pazienti più giovani per un periodo di tempo più lungo e abbinandoli all’età durante l’analisi.

Di tutti i 1.002 partecipanti adulti seguiti per 15 anni, l’82% era portatore di anticorpi HSV-1. Questi avevano il doppio delle probabilità di sviluppare demenza nel corso dello studio rispetto a quelli che non portavano anticorpi HSV-1.

È interessante notare che i partecipanti che portavano il fattore di rischio genetico, APOE-4, non avevano più probabilità di mostrare un declino cognitivo legato agli anticorpi HSV-1.

La particolarità di questo studio è che i partecipanti hanno più o meno la stessa età, il che rende i risultati ancora più affidabili poiché le differenze di età, altrimenti legate allo sviluppo della demenza, non possono confondere i risultati.

Tali risultati potrebbero spingere ulteriormente la ricerca sulla demenza verso il trattamento della malattia in una fase precoce utilizzando i comuni farmaci contro il virus dell’herpes, o prevenendo la malattia prima che si manifesti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: IOS Press

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale