Latte di patate, la nuova bevanda vegetale di tendenza: ma è davvero nutriente e sostenibile?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sul mercato britannico e svedese è arrivata la novità del latte di patate: che sapore ha? Può essere considerata un'alternativa salutare e sostenibile al latte vaccino?

Integratori 100% naturali

Nel variegato mondo delle bevande vegetali ha fatto di recente il suo debutto il latte di patate. Qualcuno potrebbe storcere il naso, ma questa alternativa veg è già di tendenza in alcuni Paesi, tra cui la Svezia e il Regno Unito. A lanciarla sul mercato è la start-up svedese Veg of Lund, che collabora con l’Università di Lund per dar vita ai suoi innovativi prodotti alimentari. Ma il potato milk è davvero nutriente e soprattutto sostenibile? Facciamo chiarezza.

Cos’è il latte di patate, come si ottiene e che sapore ha

Il latte di patate DUG prodotto da Veg of Land contiene patate, acqua, maltodestrina, proteine ​​dei piselli, fibre di cicoria, fruttosio, saccarosio, carbonato di calcio, lecitina di girasole, aromi naturali, olio di colza e vitamine (D, Riboflavina, B12, Acido Folico).

“Le bevande DUG non si ottengono semplicemente spremendo le patate. – spiega la start-up – C’è molto di più. Il metodo segreto per preparare le bevande DUG è un’emulsione brevettata di patate e olio di colza sviluppata dalla professoressa Eva Tornberg dell’Università di Lund in Svezia”.

Esistono tre varianti di latte di patate: l’Originale, il Barista (più cremoso, da usare ad esempio nel caffè) e l’Unsweetened (privo di zuccheri aggiunti): Tutta la gamma è senza lattosio, soia o glutine, quindi è adatto a chi soffre di allergie. Il latte di patate può essere gustato da solo, nel caffè o insieme ai cereali a colazione. Inoltre, è possibile utilizzarlo per varie ricette come dolci al forno. Il costo è abbastanza accessibile: circa 8 euro per 3 confezioni (miste) da un litro.

Ma che sapore ha questa bevanda? In base a quanto riferito dall’azienda produttrice, questo “latte” ha un gusto leggermente salato che ricorda la patata cruda. Tuttavia, è piuttosto neutro. Per questo è molto versatile in cucina.

Il latte di patate è davvero sostenibile?

Il marchio Veg of Land si distingue per il suo impegno a favore della sostenibilità. “Le patate non hanno bisogno di molto per crescere, il che le rende un raccolto super sostenibile rispetto ad altri come soia, mandorle o avena” spiega l’azienda. Per fare un esempio in termini di sfruttamento del suolo, la coltivazione delle patate è decisamente più efficiente rispetto a quella dell’avena.

“Se si confronta il latte vaccino con un’alternativa a base di patate, l’impronta climatica del latte di patate è significativamente inferiore. – chiarisce Veg of Lund – In effetti, il passaggio a un’alternativa a base di patate riduce l’impatto sul clima di circa il 75%.

Infine, non hanno bisogno di troppa acqua per crescere: circa 56 volte in meno rispetto alle mandorle, da cui si ricava il latte di mandorla. Nel complesso, quindi, il potato milk sembra essere un’alternativa piuttosto sostenibile rispetto al latte vaccino e ad altre bevande vegetali. L’unica nota abbastanza dolente è quella dell’uso dell’olio di colza per produrre la bevanda, dietro la cui produzione si celano spesso sfruttamento e deforestazione.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Veg of Lund 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook