Resveratrolo: cos’è, benefici ed effetti collaterali di questo potente antiossidante naturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il resveratrolo è un integratore naturalmente presente in alcune piante e alimenti. Scopriamo tutte le proprietà e i benefici.

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Il resveratrolo è stato isolato per la prima volta dal medico giapponese Michio Takaoka nel 1939, ma la sua vasta gamma di benefici per la salute non è stata completamente compresa fino a quando gli scienziati non hanno scoperto la sua presenza nel vino rosso negli anni ’90. Scopriamo insieme tutti i benefici e le proprietà del resveratrolo. (Leggi anche: Antiossidanti: sai davvero cosa sono, in quali cibi trovarli e i migliori che dovresti assumere ogni giorno?)

Cos’è il resveratrolo?

Il resveratrolo è un polifenolo, un composto naturale che si trova nelle piante e in particolar modo in quelle di color viola/blu. I polifenoli possono avere proprietà antiossidanti e aiutare a proteggere le piante (e gli animali) dallo stress ossidativo e dai danni cellulari. Questo potente antiossidante naturale si trova in numerosi alimenti e bevande, in particolar modo nel vino rosso, ma è presenta anche in:

  • uva,
  • arachidi,
  • cacao,
  • mirtilli
  • frutti di bosco,

Date le sue proprietà antiossidanti, è ora largamente commercializzato come integratore mono o multi-ingrediente.

Proprietà 

Il resveratrolo è un fitonutriente con molte proprietà biologiche, e fornisce diversi benefici per la salute. Ha proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, neuroprotettive e cardioprotettive che supportano la longevità, la funzione cardiovascolare e cognitiva.

Ecco le proprietà principali di questo integratore:

Benefici del resveratrolo

Riduce la pressione sanguigna

Grazie alle sue proprietà antiossidanti, il resveratrolo potrebbe essere un integratore promettente per abbassare la pressione sanguigna. Una revisione del 2015 ha concluso che dosi elevate possono aiutare a ridurre la pressione esercitata sulle pareti delle arterie quando il cuore batte. Quel tipo di pressione è chiamata pressione sanguigna sistolica, e appare come il numero più alto nelle letture della pressione sanguigna. In genere questa aumenta con l’età, poiché le arterie si irrigidiscono; quando è alta, è un fattore di rischio per le malattie cardiache.

Il resveratrolo può abbassarla aiutando a produrre più ossido nitrico, che provoca il rilassamento dei vasi sanguigni. Tuttavia, gli autori di quello studio affermano che sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter formulare raccomandazioni specifiche sulla migliore dose di resveratrolo per massimizzare i benefici sulla pressione sanguigna.

Ha un effetto positivo sui grassi nel sangue

Diversi studi hanno suggerito che gli integratori di resveratrolo possono modificare i grassi nel sangue in modo sano. Il resveratrolo sembra influenzare i livelli di colesterolo riducendo l’effetto di un enzima che controlla la produzione dello stesso. Come antiossidante, può anche ridurre l’ossidazione del colesterolo LDL “cattivo”, che contribuisce all’accumulo di placche nelle pareti delle arterie.

In uno studio, ai partecipanti è stato somministrato un estratto d’uva che era stato potenziato con resveratrolo. Dopo sei mesi di trattamento, il loro LDL era diminuito del 4,5% e il loro LDL ossidato era diminuito del 20% rispetto ai partecipanti che hanno assunto un estratto d’uva non arricchito o un placebo.

Protegge il cervello

Diversi studi hanno suggerito che bere vino rosso può aiutare a rallentare il declino cognitivo legato all’età. Ciò può essere in parte dovuto all’attività antiossidante e antinfiammatoria del resveratrolo.

Il motivo è che sembra interferire con i frammenti proteici chiamati beta-amiloidi, cruciali nel formare le placche che sono un segno distintivo del morbo di Alzheimer. Sebbene questa ricerca sia intrigante, gli scienziati hanno ancora domande su quanto bene il corpo umano sia in grado di utilizzare il resveratrolo come integratore per proteggere il cervello. (Leggi anche: Scienziati italiani scoprono la molecola che ringiovanisce il cervello e blocca l’Alzheimer)

Può aumentare la sensibilità all’insulina

È stato dimostrato che il resveratrolo ha diversi benefici per il diabete. Questi vantaggi includono l’aumento della sensibilità all’insulina e la prevenzione delle complicanze del diabete. Una spiegazione di come funziona è che può impedire a un certo enzima di trasformare il glucosio in sorbitolo, un alcol zuccherino. Quando si accumula troppo sorbitolo nei pazienti con diabete, questo può creare stress ossidativo dannoso per le cellule.

I ricercatori affermano che il composto potrebbe essere usato per trattare il diabete e le sue complicazioni in futuro, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Può alleviare il dolore articolare

L’artrite è una malattia comune che porta a dolori articolari e perdita di mobilità. Gli integratori a base vegetale sono allo studio come un modo per trattare e prevenire questi dolori. Se assunto come integratore, il resveratrolo può aiutare a proteggere la cartilagine dal deterioramento.

La rottura della cartilagine può causare dolore alle articolazioni ed è uno dei principali sintomi dell’artrite. Altre ricerche hanno suggerito che il composto ha il potenziale per ridurre l’infiammazione e prevenire danni alle articolazioni.

Può sopprimere le cellule tumorali

Il resveratrolo è stato studiato anche per la sua capacità di prevenire e curare il cancro. Tuttavia, i risultati sono stati contrastanti. In alcuni studi è stato dimostrato che combatte diversi tipi di cellule tumorali, inclusi gastrico, colon, pelle, seno e prostata.

Ecco come il resveratrolo può combattere le cellule tumorali:

Controindicazioni 

Non sono stati rilevati controindicazioni importanti negli studi che hanno utilizzato integratori di resveratrolo. Tuttavia, va notato che non ci sono abbastanza analisi conclusive su quanto resveratrolo si dovrebbe assumere per ottenere benefici.

Gli studiosi sono preoccupati per quanto riguarda il modo in cui il resveratrolo potrebbe interagire con altri farmaci. Poiché è stato dimostrato che dosi elevate impediscono la coagulazione del sangue, è possibile che possa aumentare il sanguinamento o la formazione di lividi se assunto con farmaci anticoagulanti, o alcuni antidolorifici. Quindi, prima di assumere questo integratore è opportuno consultare il proprio medico.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook