Latte di soia: proprietà, valori nutrizionali e controindicazioni

latte-soia-proprieta

Il latte di soia è una bevanda vegetale che si può utilizzare in alternativa al latte vaccino così com’è o all’interno di ricette dolci e salate. Ma quali sono le proprietà e i valori nutrizionali del latte di soia? Esistono delle controindicazioni al suo utilizzo?

Negli ultimi anni, per diversi motivi, sta crescendo il consumo di alimenti e bevande vegetali. La soia è certamente l’alternativa più utilizzata da chi ha eliminato dalla propria dieta il latte vaccino. Non solo tofu, crocchette ed altri preparati a base di questo legume, sempre più apprezzata è soprattutto la bevanda a base di soia che ha interessanti proprietà e ormai si trova disponibile in tutti i supermercati e anche in molti bar.

LEGGI anche: LE ALTERNATIVE AL LATTE VACCINO 

Vi raccomandiamo inoltre di acquistare latte di soia di origine biologica e italiana, per evitare la presenza di OGM. La scelta migliore, come sempre, è però quella di autoprodurlo. Preparare il latte di soia in casa è semplice, qui trovate la nostra ricetta.

Leggi anche: COME PREPARARE IN CASA IL LATTE DI SOIA 


PROPRIETÀ

La caratteristica che ha reso tanto popolare il latte di soia è il fatto che si tratta di una bevanda adatta anche a chi è intollerante al lattosio e a chi ha scelto di eliminare questa sostanza dalla propria dieta per motivi etici. Infatti la bevanda di soia, come tutte le altre bevande vegetali, è assolutamente priva di lattosio.

Il latte di soia è inoltre ricco di aminoacidi (anche essenziali) e povero di calorie e grassi, per questo tante persone scelgono di utilizzarlo quando sono a dieta. In questa bevanda non solo è assente il colesterolo ma sono presenti anche alcune sostanze (gli isoflavoni) in grado di abbassare il colesterolo cosiddetto cattivo (LDL).
Anche per quanto riguarda il controllo degli zuccheri nel sangue, il latte di soia è un buon alleato. Si tratta infatti di una bevanda dal basso indice glicemico. Stimola inoltre la diuresi e quindi favorisce l’eliminazione delle scorie dal corpo.

A livello nutrizionale, oltre un buon quantitativo di proteine, il latte di soia contiene vitamine A, E, B, fibre e minerali. Esiste poi il latte di soia addizionato con calcio che contiene lo stesso quantitativo di questo prezioso minerale rispetto al latte vaccino.

Alcuni studi hanno inoltre messo in luce i benefici di questa bevanda sull’equilibrio della flora batterica intestinale e sul miglioramento dei sintomi di gastrite e reflusso gastroesofageo. Inoltre la soia e la bevanda che se ne ricava sono ottime alleate contro l’osteoporosi.

VALORI NUTRIZIONALI

Come avete potuto intuire il latte di soia è nutrizionalmente molto ricco e non ha molto da invidiare al latte vaccino.

latte soia tabella

Fonte foto: Inran

CONTROINDICAZIONI

La principale controindicazione del latte di soia sta nella presenza di alcuni fitoestrogeni ovvero ormoni di tipo vegetale che potrebbero andare a stravolgere l’equilibrio della tiroide e di alcuni organi. Il parere su questa questione è ancora parecchio controverso e c’è chi dice che sarebbe meglio evitare di consumare regolarmente soia, chi invece sostiene che un consumo non eccessivo (2-3 volte a settimana) non comporta rischi. 

LEGGI anche: LE RAGIONI SCIENTIFICHE PER NON ABUSARE DI ALCUNI CIBI: 1. LA SOIA

Come per tutte le cose comunque il nostro consiglio è sempre quello di variare il più possibile. Se ad esempio siete soliti bere il latte di soia tutte le mattine, scegliete invece di alternarlo ad altre bevande vegetali. Ormai ce ne sono moltissime disponibili: latte di riso, di avena, di nocciole, mandorle, anacardi, ecc.

Il latte di soia è da evitare in caso si soffra di calcoli renali vista la presenza di ossalati che ne favoriscono la comparsa.

LEGGI anche: COME SCEGLIERE UN BUON LATTE VEGETALE? I CONSIGLI DEI NOSTRI ESPERTI

Attenzione anche in caso si assumano farmaci, meglio sempre chiedere consiglio al proprio medico di fiducia sulla possibilità o meno di assumere soia, data la possibile interferenza con alcuni medicinali. Chi ha sofferto di un cancro al seno, all’utero o di altri tumori estrogeno-dipendenti dovrebbe evitare il consumo di soia.

Francesca Biagioli