Scuole: in UK si sta pensando di riaprirle solo 3 giorni a settimana (ma i motivi sono puramente economici)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra gli aumenti di stipendio dei professori e il prezzo dell'energia i presidi inglesi stanno pensando di portare a tre i giorni di frequenza nelle scuole. Fattibile? Forse sì in UK, non certo da noi

Settimana lavorativa corta, ma anche quella scolastica. Così il Regno Unito pensa di ridurre anche le ore tra i banchi e soprattutto i giorni di scuola, solo 3 a settimana invece dei 5 attuali. Motivo? In realtà sono due: l’aumento degli stipendi dei professori e il caro energia.

Secondo quanto fa sapere il Telegraph, infatti, i presidi inglesi stanno tenendo “crisis meetings”, “runioni di crisi”, in vista della ripresa del prossimo trimestre autunnale, pressati come sono sia dalle spese per elettricità e riscaldamento sia dagli incrementi delle buste paga del personale. Si tratta, dicono, di esborsi che crescono più velocemente di quanto consentano i loro singoli budget.

Per gli esperti, l’inflazione potrebbe arrivare di fatto ben oltre il 15% e le bollette energetiche potrebbero schizzare nel prossimo anno, con impennate in alcune aree oltre il 300%.

E non solo, ma pare che tra poche settimane scatti anche un aumento degli stipendi dei docenti, tanto che – si legge – gli insegnanti esperti guadagneranno il 5% in più. Mentre il Governo promette altri 7 miliardi di sterline per i budget scolastici in Inghilterra entro il 2024, l’Institute for fiscal studies segnala che la spesa per alunno sarà comunque inferiore ai livelli del 2010 in termini reali.

Cosa vuol dire?

Giornate in classe più brevi, meno doposcuola e opportunità di arricchimento extra scolastico da una parte, restrizioni draconiane sull’utilizzo dell’energia dall’altra diventeranno una realtà per tutti gli istituti – dice l’amministratore delegato di uno dei principali poli accademici del Paese. La situazione è particolarmente difficile per i quelli più piccoli e per quelli privati. Non stiamo chiedendo l’elemosina prima di una revisione della spesa: questa è una situazione seria.

Una scelta drastica ma, sembra, necessaria. Sarà possibile metterla in pratica? Probabilmente col sistema scolastico anglosassone sì. Se mutassimo, invece, una simile scelta in Italia, con una dispersione scolastica alle stelle e una non omogeneità in fatto di qualità di strutture, si finirebbe sicuramente col fare peggio.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: The Telegraph

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook