Huggy Wuggy, anche la Polizia Postale lancia l’allarme sullo spaventoso pupazzo del videogioco: “non è adatto ai bambini”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il videogioco horror che ha come protagonista il popolarissimo personaggio blu con i denti aguzzi Huggy Wuggy può essere pericoloso per i bambini sotto i 12 anni. La Polizia Postale interviene per spingere i genitori a stare attenti

Può un peluche diventare un caso internazionale? Sì, ed è proprio ciò che sta accadendo con Huggy Wuggy, il pupazzo blu dai denti aguzzi inquietanti che sta spopolando in tutto il mondo tra bambini e ragazzini. Anche in Italia ha riscosso un grande successo e ha fatto la sua comparsa nei negozi di giocattoli, portato alla ribalta dai Me contro Te, i due youtuber molto amati dai giovanissimi. Il volto di Huggy Wuggy si trova ormai praticamente ovunque: nei video su YouTube, Instagram e TikTok e sono sempre di più i bambini che coccolano e portano in giro questo peluche e sono curiosi di giocare al videogame.

Ma nonostante il suo nome evochi teneri abbracci, in realtà questo pupazzo protagonista del videogioco horror Poppy Playtime non è affatto adatto ai più piccoli. L’allarme era già stato lanciato nelle scorse settimane in Paesi come il Regno Unito, dove le forze dell’ordine sono intervenute per raccomandare ai genitori di stare attenti ai contenuti che guardano online. Noi di greeMe siamo stati fra i primi in Italia a mettere in guardia sulle conseguenze negative a livello psicologico di Huggy Wuggy, che può generare ansie e paure nei più piccoli.

I consigli della Polizia Postale

Adesso sulla vicenda è intervenuta anche la Polizia Postale, con un comunicato, chiarendo che il videogioco in cui compare il pupazzo non è adatto ai minori di 12 anni.

“Alcuni contenuti potrebbero non essere appropriati ai bambini e se ne raccomanda, pertanto, la supervisione da parte degli adulti” sottolineano gli agenti. La Polizia Postale ha invitato i genitori ad adottare le seguenti strategie per proteggere i bambini:

  • Spiegare ai bambini più piccoli l’importanza di rispettare le indicazioni PEGI dei videogiochi e le regole anche quando si gioca online.
  • Attivare il parental control su tutti i devices presenti in casa: tablet, smartphone, pc e piattaforme di streaming
  • Sensibilizzare i figli più grandi a proteggere i piccoli dai pericoli online

Com’è nato Huggy Wuggy e perché può essere pericoloso per i bambini

Huggy Wuggy è un pupazzo tutto blu con la bocca rossa e tantissimi denti affilati: un’immagine piuttosto disturbante per i più piccoli. Non è da meno la canzoncina ispirata al personaggio. Il testo dice infatti: i denti aguzzi ti lasciano sanguinante (Sharp teeth leave you bloody); Non chiamarmi mai brutto (Don’t you ever call me ugly); Abbracciami finché non muori (Hug me ’til you die).

Il videogame, di tipo horror escape room, è uscito nel 2021 ed è disponibile sui dispositivi Apple e Android. Non tutti sanno, però, che il gioco ha una classificazione PEGI 13, quindi non è adatto ai bambini che hanno meno di 13 anni. Tuttavia, anche in Italia tantissimi bambini ci giocano tranquillamente. Per fortuna alcuni genitori si sono accorti di questo fenomeno inquietante e hanno deciso di segnalare il trend alla polizia postale, che è finalmente intervenuta sulla questione.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Polizia Postale

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook