Sai perché i gatti hanno una macchia a forma di M sulla fronte? Scopri la meravigliosa leggenda e mostraci la tua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sai perché i gatti striati hanno di solito una macchia a forma di M sulla fronte? Le leggende più belle che provano a spiegarlo

Ti sei sempre chiesto perché il tuo gatto ha una M al centro della fronte ? Oltre alle spiegazioni scientifiche, negli anni sono sorte numerose leggende che hanno provato a dare un significato a questa singolare caratteristica dei gatti. Ecco le tre più belle.

La cultura di Internet non sarebbe la stessa senza i meme e i video dei gatti. Sembrerebbe un’esagerazione, ma basta girare su qualsiasi social per rendersi conto di come quelle tenerissime palle di pelo siano in realtà così adorabili per noi da volerle sempre vicino a noi – anche se solo digitalmente.

Probabilmente una delle ragioni dietro questo affetto verso i felini è che i gatti fanno parte della nostra vita da millenni – gli antichi egizi li tenevano in grande considerazione. Ma la domanda rimane: perché i gatti -specie quelli striati- hanno una M sulla fronte?

I gatti striati possono avere 4 tipologie di “fantasia” del pelo:

  • Macchie
  • Tigrato
  • Spirale
  • Puntini

Se presenta una di queste quattro tipologie di pelo, significa che il vostro gatto è vero e proprio gatto striato, o per essere più specifici, ha un corredo genetico che manifesta come principali le caratteristiche di un gatto striato.

Il loro pelo tende quindi a mostrare uno degli schemi elencati sopra in modo più marcato sul torso e sulla schiena e in modo meno marcato sul muso e sul resto del viso. Ad ogni modo, la minore superficie a disposizione della testa porta le striature ad avvicinarsi e a creare la leggendaria M sulla loro fronte.

L’aggettivo non è stato scelto a caso, siccome l’umanità ha provato a spiegare questa caratteristica con delle leggende – noi ve ne presentiamo tre.

La leggenda egiziana – Mau

Come abbiamo visto in precedenza, presso gli egizi i gatti rivestivano un ruolo particolare. Infatti, venivano identificati con la parola Mau, che ricorda il loro verso. In realtà, questa parola significava luce o sole. La M sulla loro fronte, quindi, per gli egiziani era un marchio che legava i gatti alla luna, e soprattutto, enfatizzava il loro status, già parecchio importante.

La leggenda Islamica – Maometto e Muezza

La leggenda vuole che il profeta dell’Islam avesse un gatto striato che teneva sempre con sé chiamato Muezza. Il loro rapporto era molto speciale, tanto che Maometto compiva dei rituali per garantirne la sicurezza.

Il suo affetto fu poi ricompensato da Muezza, che scovò e uccise un serpente che si era nascosto nella tunica del Profeta. La leggenda vuole che Maometto ringraziò il felino dandogli la capacità di atterrare sempre sulle zampe e lasciando il suo marchio su di lui – la famosa M sulla fronte.

La leggenda Cristiana – Maria

Quest’ultima leggenda si lega alla storia della Natalità. Come è ben risaputo, alla nascita Gesù fu riposto in una mangiatoia, scosso dal freddo. Gli animali della fattoria si avvicinarono per scaldarlo ma non riuscivano a tenere il Bambino al caldo.

Alle richieste di aiuto di Maria accorse un gatto striato che accoccolandosi nella mangiatoia riuscì a scaldare il Messia e lo aiutò ad addormentarsi facendo le fusa. Accarezzandolo per ringraziarlo, Maria lasciò la prima lettera del suo nome sulla fronte del gatto striato, creando un legame indissolubile.

E tu conoscevi queste leggende o la spiegazione scientifica alla domanda perché i gatti hanno una M sulla fronte?

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook