In questa scuola i bambini condividono i banchi con i gatti abbandonati (i risultati scolastici sono sorprendenti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In una scuola di una città rurale turca i bambini frequentano le lezioni accompagnati in classe da alcuni gatti trovatelli. Non solo gli studenti hanno imparato a prendersi cura degli animali, ma hanno avuto ottimi risultati scolastici, desiderando andare a scuola persino nei fine settimana

Libri, banchi e tante fusa. In una scuola elementare del distretto di Beydağ di SmirneI, Turchia, le lezioni sono davvero speciali. Una sua classe conta infatti non solo 19 piccoli studenti, ma anche 30 gatti abbandonati e adottati dalla struttura.

Si chiamano Luna, Sole, Pantera, Notte e accolgono tutti i giorni i loro amici umani, salutandoli all’ingresso in classe e facendo loro compagnia tra una materia e l’altra. Durante le pause giocano assieme, coccolandosi a vicenda.

Il progetto nasce dalla volontà di educare i giovani al rispetto degli animali, organizzare attività sociali che li spronassero allo studio e, non per ultimo, dare una casa confortevole ai gatti randagi della zona. E i risultati di questa interazione straordinaria non sono tardati ad arrivare.  

Non solo i bambini hanno ampliato le loro conoscenze in tempi brevissimi, al di là dei voti, ma hanno iniziato a frequentare l’ambiente scolastico con immenso piacere oltre che con spensieratezza.

Abbiamo creato il nostro rifugio. C’è un legame d’amore molto forte tra gatti e bambini. I bambini che non vogliono venire a scuola hanno iniziato a venire a scuola anche nel fine settimana. Fanno le pulizie del rifugio e ogni tipo di cura per i gatti. E hanno sviluppato un atteggiamento positivo anche nei confronti della scuola, ha detto l’insegnante Evrim Mutluay.

Il tutto è iniziato con soli 12 gatti. Poi man mano che qualcuno trovava un gattino abbandonato lo portava in classe e così ora i gatti della scuola sono circa 30. Tutte le mattine e prima di andare via i bambini danno da mangiare ai loro gatti, cambiano l’acqua, sistemano i giochi.

Amo molto i gatti, sono animali bellissimi. La nostra maestra ce li ha fatti amare di più. Diamo loro del cibo e ci prendiamo cura di loro ogni giorno. Giochiamo durante la ricreazione e loro partecipano sempre ai nostri giochi, ha raccontato una bimba della classe.

Un esempio migliore di pet therapy non poteva esserci. Numerosi studi hanno dimostrato in precedenza come gli animali siano il migliore antistress a nostra disposizione, a casa come negli ospedali e anche tra i banchi di scuola. Basta una semplice carezza per sentirsi subito meglio e questi bambini lo hanno appreso grazie alla loro insegnante.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: AA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook