I gatti sono meno stressati nelle famiglie con bambini affetti da autismo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una nuova ricerca i gatti adottati dalle famiglie con bimbi autistici sono significativamente meno stressati

Secondo una nuova ricerca i gatti adottati dalle famiglie con bimbi autistici sono significativamente meno stressati

Un gatto in famiglia può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia per i bambini con autismo, e un nuovo studio mostra che entrare in una famiglia fa miracoli anche per i felini. Non è solo importante esaminare in che modo le famiglie di bambini con autismo possono trarre beneficio da questi meravigliosi animali da compagnia, ma anche se la relazione è stressante o gravosa per i gatti.

Nello studio si è scoperto che i gatti si sono adattati bene alle loro nuove famiglie, e sono diventati significativamente meno stressati nel tempo. I risultati evidenziano i vantaggi reciproci dell’interazione uomo-animale, e si basano su precedenti ricerche che hanno scoperto che gli animali domestici possono aiutare a ridurre lo stress e l’ansia sia per i bambini con autismo sia per i loro genitori.

Lo studio

I ricercatori hanno monitorato i gatti dei rifugi per 18 settimane, dopo essere stati adottati da famiglie con almeno un bambino con autismo. Questi animali sono stati prima esaminati utilizzando il profilo del temperamento felino, per identificare quelli del rifugio con un comportamento calmo e rilassato. Dopo che le famiglie hanno selezionato il gatto che aveva superato lo screening, i ricercatori hanno effettuato visite a domicilio per controllare i pet 2-3 giorni dopo l’adozione e poi ogni sei settimane per 18 settimane, per vedere se e come si erano adattati al nuovo ambiente.

Hanno valutato i livelli di cortisolo, attraverso la raccolta di campioni di feci dei gatti, e hanno notato una significativa diminuzione dell’ormone dello stress nel tempo. Ma non è tutto, poiché hanno rilevato che i gatti hanno guadagnato un po’ di peso subito dopo l’adozione, e lo hanno mantenuto anche col passare del tempo; quindi, tutto ciò mostra come i gatti si siano acclimatati bene nelle loro nuove famiglie.

Inoltre, i bambini con autismo possono avere problemi di sensibilità o sensoriali, e comportamenti problematici occasionali accompagnati da forti e improvvise esplosioni. A causa di queste preoccupazioni, i gatti selezionati per un temperamento calmo e accomodante possono aumentare la probabilità di una migliore corrispondenza a lungo termine sia per i bambini sia per il gatto. Questa ricerca può essere un punto di partenza per altre revisioni, in modo che i gatti e le famiglie di bambini con autismo possano trarne beneficio dalla loro convivenza.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: University of Missouri

Sull’autismo ti potrebbe interessare:

Sui gatti ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook