Siccità: la gravità della situazione in Italia immortalata dai satelliti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Italia ha sete, con stati di emergenza e rischio di razionamenti a macchia di leopardo nel nostro Paese: una mappa satellitare ottenuta dall’Hydrology IRPI-CNR mostra in modo chiaro e lampante la gravità della situazione. Che per ora non accenna a migliorare

Una mappa immortalata dai satelliti mostra quanto davvero l’Italia abbia sete: una siccità gravissima che non accenna a migliorare e che sta portando a stati di emergenza e rischio di razionamenti. L’immagine è stata ottenuta dall’Hydrology IRPI-CNR: triste primo posto al Nord-Ovest e Friuli e secondo al centro.

La mappa mostra la situazione di giugno 2022 rispetto ai precedenti 16 anni, e in particolare le condizioni di umido del suolo, cioè la quantità di acqua contenuta nei primi 20 cm di suolo. Come spiega l’Istituto, 1 significa che sono le condizioni peggiori degli ultimi 16 anni e il colore rosso scuro le condizioni peggiori, più secche, mentre in blu il viceversa.

In una nostra recente intervista, Luca Mercalli, Presidente dell’associazione Società Meteorologica Italiana aveva affermato chiaro e tondo che questa situazione è causata dal fatto che non piove da 6 mesi e dalla presenza costante di una temperatura più alta della norma.

Leggi anche: Emergenza siccità, perché in Italia non abbiamo più acqua?

Eppure l’acqua non ci mancherebbe, anche se piove poco. Ma sprechi, scarsa manutenzione, prelievi massicci per uso agricolo e, a livello globale, intere zone del Pianeta dove mancano fondi per costruire impianti idrici (es. nel continente africano), rendono l’abbondanza di acqua una chimera.

Un quadro desolante che con la natura, a questo punto, c’entra fino ad un certo punto. Ma che paghiamo tutti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Hydrology IRPI-CNR/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook