Questo ragazzino senegalese ha costruito il suo telescopio con lattine, cartone e filo metallico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'ispiratrice storia di Malick Ndiaye, uno studente senegalese di 13 anni, che ha costruito il suo telescopio con materiali di riciclo.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

L’ispiratrice storia di Malick Ndiaye che ha imparato a conoscere le stelle da un vecchio libro e ha costruito il suo telescopio con materiali di riciclo.

Malick Ndiaye, uno studente senegalese di 13 anni, punta alle stelle. Infatti, la sua grande curiosità e passione per le costellazioni, l’ha portato a costruire il suo proprio telescopio utilizzando sapientemente materiali da riciclo tra cui bicchieri, lattine di bevande, filo metallico e cartone.

A scatenare la magia e alimentare la curiosità di Malick verso il cielo e la Terra è stato “Tutto l’universo”, un vecchio libro che suo padre, un uomo curioso che amava leggere e guardare documentari, aveva ricevuto in regalo da Abdou Diouf, ex presidente del Senegal, quando era il suo autista.

Tra costellazioni, nebulose, stelle e pianeti, il fascino per l’astronomia ha affinato il suo ingegno e gli ha fatto creare il suo telescopio con quello che trovava. Così, mettendo insieme alcuni vecchi occhiali da vista di suo padre, l’obiettivo di una vecchia macchina fotografica, delle lattine, un filo, un cartone, è riuscito a costruirlo in sole due settimane.

Quando ho messo a fuoco il cielo notturno e ho visto i dettagli della superficie della Luna mi è sembrato di poterla toccare con mano”, ha raccontato Malick in un’intervista.

Di fronte alla passione del giovane sono stati lanciati tanti appelli per poterlo aiutare a percorrere questa strada. La notizia è arrivata anche a Maram Kaire, astronomo senegalese e presidente dell’Associazione senegalese per la promozione dell’astronomia – ASPA, che ha donato un telescopio astronomico al giovane talento, promettendo di spiegargli tutto quello che sa.

Mi ha riempito di emozione (…) lo seguiremo e speriamo che il virus stellare infetti altri giovani, futuri scienziati”, dichiara Maram Kaire in un post su Facebook.

Una storia davvero stellare!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: El País / Maram Kaire

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook