Vuvuzelas: oltre all’inquinamento acustico, favoriscono le infezioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Divenute ormai il simbolo dei Mondiali di Calcio del 2010 in Sudafrica, le vuvuzelas, le trombette utilizzate dai tifosi per incitare i giocatori e festeggiare i gol della propria squadra, sembrerebbero essere causa di non pochi pericoli.

Oltre all’inquinamento acustico infatti, possono essere causa di gravi infezioni facilmente trasmissibili, come l’influenza e addirittura la terribile tubercolosi, tanto che le rumorose trombette potrebbero essere vietate alle prossime Olimpiadi di Londra del 2012.

Nei mesi scorsi molti esperti di inquinamento acustico avevano evidenziato la pericolosa rumorosità delle vuvuzelas, in grado di generare addirittura un rumore più forte di quello provocato da un aereo in decollo; ora arriva anche uno studio pubblicato su “Plos One”, diretto da Ruth McNerney della London School of Hygiene & Tropical Medicine, che evidenzia come le vuvuzelas possano diffondere gravi malattie attraverso le gocce di salita; esattamente come fa uno starnuto – amplificato – in grado di far viaggiare fino a 4 milioni di particelle di saliva al secondo.

Così come bisogna evitare di starnutire o tossire vicino ad altre persone – ha commentato McNerney- allo stesso modo occorre agire per prevenire la trasmissione delle malattie attraverso le vuvuzelas. Le persone con infezioni dovrebbero evitare di utilizzarle vicino ad altri”.

Insomma, più che di divieto bisognerebbe parlare di “galateo della vuvuzela”.

Verdiana Amorosi

Leggi qui lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook