Magnolia, quando il divertimento è a costo zero

magnolia1

Che la Movida stia diventando sempre più green ce n’eravamo accorti quando abbiamo passato in rassegna le varie discoteche eco-friendly. Che gli eventi possano essere a basso impatto ambientale lo abbiamo imparato con i 10 punti stilati dalla nostra Pamela Pelatelli. Che si possano produrre eventi totalmente con energia pulita lo dobbiamo invece al Magnolia, l’unico locale in Italia dove sono stati installati 100 pannelli solari da 200w l’uno.

Il locale Arci di Milano con un investimento di 150 mila euro ha fatto costruire dall’azienda Ecos Energia, con il supporto della Provincia di Milano che ha patrocinato l’operazione, un impianto fotovoltaico sul tetto capace di coprire il fabbisogno energetico perché in grado di produrre dai 21 mila ai 24 mila kWh annui e di risparmiare, quindi, 14 mila chili all’anno di CO2.

I fondi per finanziare l’impianto sono stati raccolti grazie alle numerose iniziative promosse nel locale, dai concerti, alle feste danzerecce, dagli spettacoli teatrali alle domeniche di ballo liscio per gli anziani. magnolia2Per questo il  Magnolia è fiero di annunciare il progetto con slogan “Ecco dove vanno a finire i vostri soldi“.

Oggi come associazione Arci abbiamo più di 29 mila tesserati e 22 persone assunte. Fare qualcosa: questo è l’essenziale. Con questa iniziativa vogliamo lanciare il messaggio che è possibile promuovere attività socio-culturali nel rispetto dell’ambiente“, racconta Andrea Pontiroli, presidente del Magnolia che proprio in questi giorni festeggia i 4 anni di attività.

“L’operazione del Magnolia dimostra che il mondo dell’associazionismo, seguendo l’etica del no-profit, può recuperare risorse da restituire al territorio e alla comunità», commenta Emanuele Patti, presidente di Arci Milano. «L’installazione dei pannelli è in pieno accordo con il dodecalogo che da tempo distribuiamo presso i nostri circoli: dodici buone prassi per salvare il pianeta, dalla riduzione dell’utilizzo di carta all’uso dei mezzi pubblici per muoversi in città“.

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook