Dal 26 aprile riparte anche il mondo dello sport: quando riapriranno palestre e piscine?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal 26 aprile comincerà la ripartenza graduale dell’Italia. Diversi gli allentamenti delle restrizioni previsti a partire da quella data. La novità principale annunciata ieri dal Governo Draghi è quella legata al ritorno della zona gialla rafforzata, che fino ad aprile era stata inizialmente sospesa. Nelle Regioni in fascia gialla ci si potrà spostare liberamente e riapriranno anche i ristoranti, bar, cinema e musei all’aperto. Ma alla fine del mese ripartirà anche il mondo dello sport, anche se per la riapertura delle palestre bisognerà aspettare i primi di giugno. 

Il Dipartimento per lo Sport sta già lavorando sulle norme che saranno al vaglio del Consiglio del Ministri, che si riunirà la prossima settimana per stabilire le misure del nuovo decreto in vigore da maggio. 

Leggi anche: Dal 26 aprile torna la zona gialla rafforzata: tutte le novità sugli spostamenti e le riaperture

Attività sportive consentite all’aperto

Il 26 aprile rappresenta una data cruciale anche per gli sportivi. A partire da quella data, infatti, nelle Regioni gialle saranno consentite le attività sportive, inclusi gli sport di contatto, come il calcetto, il beach volley, e il basket ma esclusivamente all’aperto.

“Queste decisioni sono state prese sulla base di dati scientifici che dimostrano che la probabilità del contagio è bassa all’aperto” ha spiegato ieri Mario Draghi. Via libera quindi alle partite di calcetto e beach volley e a tutte quelle discipline che per mesi sono state vietate. 

Inoltre, dall’1 maggio nelle Regioni in zona gialla sarà ammessa la presenza di pubblico negli impianti sportivi per gli eventi di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Coni e del Cip (per il 25% della capienza degli impianti, con un massimo di 500 persone al chiuso e di 1.000 persone all’aperto).

Piscine 

Per quanto riguarda la riapertura delle piscine, sempre all’aperto, bisognerà attendere ancora qualche settimana. La data indicata dal Governo è quella del 15 maggio. Invece, le piscine al chiuso potranno riaprire i battenti a partire dall’1 giugno. Naturalmente le attività nelle piscine dovrà avvenire sempre nel rispetto del distanziamento sociale e delle altre regole anti-Covid. Sarà richiesta una riorganizzazione funzionale degli spazi e, quando possibile, percorsi differenziati per entrata e uscita, oltre alla presenza di gel igienizzante e alla costante disinfezione dei locali sportivi. 

Palestre 

Le palestre saranno tra le ultime a riaprire e non potranno farlo prima dell’1 giugno. Ai gestori delle palestre sarà chiesto di seguire un rigidi protocollo volto ad evitare assembramenti e ad organizzare al meglio gli spazi. Inoltre, bisognerà igienizzare regolarmente gli attrezzi e i macchinari sportivi dopo ogni utilizzo e favorire il ricambio dell’aria all’interno delle strutture. 

Fonte: Palazzo Chigi – Presidenza del Consiglio dei Ministri

Leggi anche: 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook