Seggiolini anti-abbandono: l’obbligo scatta dal 6 marzo 2020

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Torniamo a parlare dei seggiolini con dispositivo anti-abbandono per una importante precisazione. L’obbligo scatterà dal 6 marzo 2020 e non da novembre 2019 come si pensava.

Tanti genitori sono alle prese con una novità che riguarda i bambini fino a 4 anni. Tutti coloro che li trasportano in auto devono dotarsi di seggiolino anti-abbandono o di apposito dispositivo da montare sul supporto che già si ha in macchina. Questo è ormai legge.

Il decreto è stato ufficialmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale ma la scadenza del 7 novembre (ossia quella relativa ai 15 giorni dopo la pubblicazione) non sarà effettivamente il limite entro il quale ogni guidatore dovrà disporre del dispositivo anti-abbandono.

Questa prima data, infatti, fa riferimento al momento in qui il decreto diviene operativo, viene però dato un successivo tempo per mettersi in regola e questo è appunto possibile fino al 6 marzo (dopo 120 giorni dall’entrata in vigore, secondo quanto riportato dalla legge 117/2018).

Dunque, per scegliere il seggiolino anti-abbandono o il dispositivo da acquistare, avete tutto il tempo necessario e anche la possibilità di richiedere il bonus di 30 euro. Durante i prossimi mesi, tra l’altro, sul mercato probabilmente arriveranno soluzioni che attualmente non sono disponibili, realizzate proprio tenendo conto delle caratteristiche che devono avere i nuovi seggiolini o dispositivi anti-abbandono.

Anche le aziende, quindi, hanno sufficiente tempo per lanciare  i propri prodotti che le famiglie potranno poi valutare con calma. Cybex ha già annunciato che non venderà dispositivi da applicare sui seggiolini già sul mercato ma propone due nuovi modelli con anti-abbandono integrato. Anche la Chicco ha già in produzione un nuovo seggiolino anti-abbandono.

Altre marche che si sono già lanciate in questo nuovo mercato sono Remmy, Steelmate Bsa-1, Bebé Confort e-Safety cushion e Tippy Smart Pad. Vi è poi la start up Filo che da novembre metterà in commercio un cuscino anti-abbandono.

Il consiglio, visto che il tempo c’è, è quello di aspettare un attimo e non farsi prendere dalla foga di mettersi in regola ma di valutare bene qual è l’acquisto migliore per le proprie esigenze (anche economiche).

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook