©rodho/123rf

Si torna a scuola. Il calendario Regione per Regione, le regole anti-Covid e il Green pass

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Presto si tornerà a scuola in presenza. Ecco le date di inizio dell’anno scolastico regione per regione e le novità per una didattica in sicurezza

Secondo la direttiva del Ministero dell’Istruzione, a partire dal 6 settembre gli alunni italiani, di ogni ordine e grado, potranno tornare a scuola in presenza. Ogni Regione, grazie all’autonomia concessa, ha scelto una data per programmare l’inizio dell’anno scolastico sul proprio territorio. Vediamo la data di inizio Regione per Regione:

  • 6 settembre: Provincia autonoma di Bolzano
  • 13 settembre: Lombardia, Piemonte, Veneto, Lazio, Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Umbria, Valle d’Aosta, Provincia autonoma di Trento
  • 14 settembre: Sardegna
  • 15 settembre: Toscana, Molise, Campania, Marche Liguria
  • 16 settembre: Sicilia, Friuli Venezia Giulia
  • 20 settembre: Calabria, Puglia

Come si rientra a scuola?

Sul rientro dei ragazzi a scuola pesa l’incognita dell’emergenza sanitaria da Coronavirus che, qualora si aggravasse nuovamente, potrebbe costringere ad un ritorno alla didattica a distanza o a modificazioni nel calendario e negli orari (che potrebbero diversificarsi per evitare assembramenti fuori gli istituti scolastici, come già successo lo scorso anno).

In queste ore stiamo lavorando sulla gestione del green pass da parte delle scuole: oggi c’è stata una riunione tecnica fra il Ministero dell’Istruzione e quello della Salute. Siamo in contatto anche con il Garante della privacy – così il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi su Facebook.

Per scongiurare il rischio di nuovi focolai e mantenere i bambini e i ragazzi in sicurezza, sarà obbligatorio l’utilizzo della mascherina in aula per tutta la durata delle lezioni; inoltre, a docenti e personale ATA è richiesto l’obbligo di Green Pass – quindi sarà necessario aver effettuato la doppia dose di vaccino per entrare a scuola, oppure presentare la negatività ad un tampone effettuato nelle 48 ore prima (da effettuarsi a proprie spese), oppure si dovrà attestare la guarigione dal Covid-19.

Infine, dovrà essere mantenuta la distanza di sicurezza fra gli alunni con una opportuna disposizione dei banchi nelle classi: aule sovraffollate (le cosiddette ‘classi pollaio’) non saranno tollerate. Si attende per il prossimo 3 settembre un tavolo nell’ambito del Patto per la scuola proprio per coordinare un intervento organico per migliorare i parametri relativi al dimensionamento scolastico e al numero degli allievi nelle classi.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ministero Istruzione/ Rientriamo a scuola

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook