Tornare a scuola ai tempi della pandemia: le immagini dal mondo che fanno riflettere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La pandemia del nuovo coronavirus ha sconvolto la vita dei bambini di tutto il mondo, soprattutto di quelli che vivendo nei paesi più poveri, non avevano certo le stesse possibilità degli altri. Ad aprile scorso, circa il 91% degli studenti di oltre 194 paesi non andava a scuola e chiaramente, non c’era nessuna possibilità per loro di seguire lezioni online per via del divario digitale.

In India, in Cambogia, in Ghana e in tanti altri paesi, l’equilibrio e il benessere dei più piccoli, è stato messo a dura prova. Ciò ha causato sconvolgimenti incommensurabili nella loro vita e nell’apprendimento. L’Unicef sta lavorando insieme ai governi per garantire che il ritorno a scuola sia sicuro per tutti e ha fornito tutti i presidi necessari, come mascherine, gel disinfettanti e beni di prima necessità.

In tanti sono tornati sui banchi e questa gallery racconta un mondo diverso rispetto a quello cui siamo abituati. C’è Marie Kouadio Aya che ha nove anni ed è felice di essere a scuola in Costa d’Avorio, c’è Elodie, una studentessa dell’ultimo anno di scuola secondaria a Kinshasa, che sostiene l’esame indossando una mascherina.

Scuole che si sono dovute attrezzare con postazioni per il lavaggio delle mani, le distanze fisiche, l’uso di maschere e i controlli della temperatura. Ecco il ritorno a scuola per gli studenti dei paesi di tutto il mondo, immagini che ci fanno molto riflettere:

Cambogia

Questi sono gli studenti della scuola elementare di Preah Norodom a Phnom Penh. I bambini sono tornati a scuola il 7 settembre con le mascherine e osservando le distanze fisiche

@UNICEF / UNI368157 / Seng

Costa d’Avorio

Marie Kouadio Aya, 9 anni, è felice di poter tornare a scuola

@Unicef

Repubblica Democratica del Congo

Elodie, una studentessa dell’ultimo anno di scuola secondaria a Kinshasa, sostiene l’esame indossando una mascherina 

@UNICEF / UNI367487 / Mulala

Georgia

Nonostante le distanze fisiche e i controlli regolari della temperatura, il primo giorno di scuola nella città di Sagarejo c’è un clima di festa

@UNICEF / GEO-2020 / Jibuti

Ghana

In bici, alcuni studenti vanno a scuola indossano le mascherine

@UNICEF / UNI357810 / Buta

Giordania

Un gruppo di studentesse nel loro primo giorno di scuola

@UNICEF / UNI364473 /

Repubblica Democratica Popolare del Laos

Il 18 maggio, il Lycée de Vientiane, una scuola pubblica a Vientiane, la capitale del Laos, ha accolto oltre 900 dei suoi studenti

@UNICEF Laos / 2020 / AKarki

Mauritania

Gli studenti frequentano le lezioni nella scuola Bekar O Soueid Ahmed, a sud della capitale Nouakchott

@UNICEF / UNI370440 / Pouget

Mongolia

Una studentessa si fa controllare la temperatura prima dell’inizio della lezione

@UNICEF / UNI369509 / Chuluunbaatar

Fonte: Unicef

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook