Wet market: per l’OMS i mercati umidi non andrebbero chiusi, nonostante il loro ruolo nella pandemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come è ormai noto, è dal mercato umido di Wuhan in Cina che è partito il nuovo coronavirus, in tanti da allora chiedono la chiusura definitiva di questi luoghi dove si vendono anche animali selvatici. L’OMS è intervenuta sull’argomento sostenendo però che questo genere di mercati non vanno chiusi e che sono necessarie ulteriori ricerche per individuare meglio le loro reali responsabilità rispetto alla pandemia in corso.

Il mercato umido della citta cinese di Wuhan, è stato fonte o forse “scenario di amplificazione” del coronavirus. Ad affermarlo in conferenza stampa è Peter Ben Embarek, esperto dell’OMS di sicurezza alimentare ma anche di virus che attraversano la barriera delle specie passando dagli animali agli uomini:

“Il mercato ha avuto un ruolo nell’evento, questo è chiaro. Ma quale ruolo non lo sappiamo, che si tratti della fonte o dell’amplificazione o solo di una coincidenza che alcuni casi sono stati rilevati all’interno e intorno a quel mercato. (…) Non è chiaro se animali vivi o venditori o acquirenti infetti possano aver introdotto il virus all’interno del mercato”

Le autorità cinesi hanno chiuso il mercato umido di Wuhan a gennaio come parte degli sforzi per arrestare la diffusione del virus, e poi alla riapertura è stato ordinato un divieto temporaneo al commercio e al consumo di fauna selvatica.

I mercati umidi, diffusi non solo in Cina, tradizionalmente vendono prodotti freschi e animali vivi, come il pesce ma anche specie selvatiche rare, e lo fanno all’aria aperta in condizioni igieniche spesso molto precarie.

Molti di questi mercati in tutto il mondo che vendono animali vivi devono essere meglio regolati e le condizioni igieniche migliorate, e solo alcuni dovrebbero essere chiusi, sostiene Ben Embarek, ma la stragrande maggioranza può essere aggiustata e organizzata meglio.

Spesso si tratta di controllare la gestione dei rifiuti, la circolazione di persone e merci e di separare gli animali vivi dai prodotti animali e dai prodotti freschi, ha affermato.

L’esperto dell’OMS ha ricordato che tali mercati sono fondamentali per fornire cibo e mezzi di sussistenza a milioni di persone in tutto il mondo e che le autorità dovrebbero concentrarsi sul loro miglioramento piuttosto che sul loro divieto.

Ovviamente le sue parole hanno suscitato abbastanza scalpore. La notizia che l’OMS difenda luoghi discutibili come i cosiddetti “wet market” ha fatto immediatamente il giro del mondo e non sono mancate le richieste di chiarimento.

Teresa Telecky, responsabile del dipartimento di fauna selvatica di Humane Society International ha invitato l’OMS a chiarire le osservazioni del dottor Embarek e “ribadire che gli animali selvatici non dovrebbero essere venduti in questi mercati”.

Come ha ricordato la Telecky:

“Il commercio di animali selvatici ha causato la pandemia di Covid-19 e l’OMS ha l’obbligo di consigliare ai paesi di ridurre il rischio di un’altra pandemia mettendo fuorilegge i mercati di animali selvatici vivi”

Ricordiamo, comunque che in Cina da gennaio è stato proibito il commercio di animali selvatici a scopo alimentare in tutto il territorio.

Fonti di riferimento: AP/ Reuters /Humane Society International

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook