Insonnia: bastano 5 giorni di poco sonno per danneggiare il cervello

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Danni strutturali a carico del cervello e sistema nervoso a pezzi: l’insonnia gioca davvero brutti scherzi e bastano solo 5 giorni di mancato sonno perché il cervello vada letteralmente in tilt.

A dimostrare gli effetti devastanti dell’insonnia è ancora un altro studio, questa volta condotto da Chiara Cirelli della University of Wisconsin-Madison e Michele Bellesi dell’Università Politecnica delle Marche.

Dalle loro ricerche emerge che la guaina protettiva che isola i nervi, la cosiddetta mielina, va ad assottigliarsi se soltanto il nostro organismo è “costretto” a 5 giorni di carenza di sonno.

Una privazione del sonno, quindi, non solo fa emergere una serie di problematiche, compreso l’aumento di probabilità di sviluppare malattie cardiache, diabete e cancro, ma può portare anche a grossi danni alla nostra struttura cerebrale.

Negli studi, i ricercatori hanno analizzato gli effetti di una riduzione dello spessore della mielina netta e hanno ipotizzato la riduzione del sonno in un uomo di circa due ore per notte per 4 giorni e mezzo.

Con questa notevole riduzione del sonno, gli studiosi hanno osservato una trasformazione nello spessore della mielina, struttura fondamentale per la salute del cervello, che si è dimostrata molto più sottile. E lo stesso danno si potrebbe avere anche se la deprivazione del sonno fosse meno intensa ma più duratura nel tempo.

Non sappiamospiega Cirelli – se il deficit di mielina permanga a lungo termine, ma lo studio, il primo di questo tipo, suggerisce che ci possono essere danni strutturali dovuti alla perdita di sonno anche in una struttura come la mielina, considerata di per sé molto stabile”.

Intanto cosa fare? Ecco alcuni rimedi green per riprendere in mano la situazione e riposarsi di più.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook