I Navajo rischiano di scomparire per sempre, vittime del più alto tasso di infezione Covid-19 negli Stati Uniti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il timore dei nativi americani, quello di essere spazzati via dal coronavirus, si sta trasformando in una triste realtà: con oltre 4mila casi, la Navajo Nation ha superato per numeri di contagi sia NeW York che il New Jersey. Tempi durissimi per una delle popolazioni più a rischio.

Ci sono stati dei picchi incredibili e per i nativi americani stanziati nell’Arizona settentrionale e in parte dei territori dello Utah e del Nuovo Messico che non hanno né difese immunitarie sufficienti, né strutture ospedaliere in grado di fronteggiare l’emergenza Covid-19, la situazione è molto grave. In generale, ne abbiamo parlato da subito, le tribù indigene sono le vittime più fragili della pandemia. Come spiega la CNN, nell’ultimo censimento del 2010, i Navajo erano poco meno di 174mila. Oggi ci sono oltre 4mila casi di coronavirus, mentre New York ne ha quasi 2mila e il New Jersey quasi 1700.

Vittime della povertà, i Navajo non hanno strutture per potersi curare e in molte zone, come avevamo denunciato, non c’è acqua potabile  e bisogna fare parecchi chilometri per trovarla, il che rende complicato eseguire il miglior metodo di prevenzione: il lavaggio frequente delle mani. Ma nonostante la nazione abbia avviato un lockdown in entrata e in uscita, la situazione è drammatica, spiega il presidente della Navajo Jonathan Nez.

Poche difese immunitarie, spazi ristretti e affollati in cui vivere, senza accesso a internet e alloggi adeguati, risulta impossibile fronteggiare la pandemia. Più volte il presidente Nez ha denunciato il fatto che i Navajo non hanno ricevuto un centesimo degli 8miliardi di dollari assegnati alle comunità dei nativi americani come parte del CARES Act approvato a Washington il 18 marzo. Ricordiamo poi, che quando i nativi hanno chiesto forniture mediche si erano visti recapitare intere scatole di sacche bianche sterilizzate per inserire cadaveri e che gli aiuti sono arrivati solo dall’ Irlanda in memoria di una vecchia generosità: la comunità aveva infatti inviato denaro agli irlandesi, durante la cosiddetta carestia delle patate. Attualmente con loro c’è anche il team di Medici senza frontiere che però senza gli strumenti adatti è in enorme difficoltà. Gli ospedali, infatti non sono attrezzati per affrontare il nuovo coronavirus, ci sono pochi letti in terapia intensiva e bisogna spostare i contagiati in altre città con il rischio di diffusione.

In un comunicato stampa, la Navajo Nation spiega che secondo gli esperti, il picco è proprio in questo periodo. Si stanno facendo più test, ma il problema è che poi i contagiati devono per forza di cose vivere a stretto contatto con gli altri membri della famiglia, senza considerare che in molte zone c’è un vero e proprio deserto alimentare, ovvero non ci sono negozi alimentari e bisogna necessariamente spostarsi.

Attualmente è in corso una raccolta fondi su Gofundme.com a questo indirizzo per sostenere i nativi americani.

Fonti: CNN/The Navajo Nation/Washington post/

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook