La musica classica fa più bene al cuore delle medicine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Musica classica e cuore: non basta solo mangiare sano e tenersi in forma. Per tenere allenato il nostro cuoricino, bisogna anche dedicare un po’ di tempo alla musica. Quella classica, infatti, con i suoi ritmi più delicati e simili a quelli che regolano la pressione, ha un effetto rilassante, rallenta la frequenza del battito cardiaco e abbassa la pressione arteriosa. Col risultato che a giovarne è la salute del cuore anche senza farmaci.

A sostenerlo è una ricerca della Oxford University, secondo cui una buona dose di musica classica, a partire da Verdi, Beethoven e Puccini, potrebbe ridurre la pressione del sangue e contribuire a scongiurare le malattie cardiache.

La ricerca, presentata al congresso della British Cardiovascular Society (BCS) a Manchester, ha dimostrato che l’ascolto di musica che segue un ritmo di 10 secondi riduce la pressione e la frequenza cardiaca. Tra i più grandi, gli scienziati annoverano “Va Pensiero” di Giuseppe Verdi, “Nessun Dorma” di Giacomo Puccini e la “Nona Sinfonia” di Beethoven. Lo stesso impatto è stato percepito ascoltando “Ave Maria” di Franz Schubert in latino, ma secondo i ricercatori il ritmo sarebbe stato alterato dalle traduzioni che hanno cambiato il ritmo.

Come riporta il Telegraph, i cardiologi hanno esaminato i lavori scientifici che negli ultimi decenni hanno analizzato l’influenza dei diversi tipi di musica proprio sulla pressione arteriosa e sulla frequenza cardiaca. Poi hanno verificato varie ipotesi che coinvolgono sei diversi tipi di musica su un piccolo gruppo di studenti. E proprio quella classica ha avuto il maggiore impatto riducendo la pressione sanguigna, mentre brani di musica classica con un ritmo più veloce, tra cui un estratto dalle “Quattro Stagioni” di Vivaldi, non hanno avuto un effetto su cuore e sangue.

Musicoterapia, allora, per tenerci lontano da malattie cardiache? Perché no. Non è la prima volta che degli studi si verificano un preciso effetto calmante della musica sulla mente e sul corpo. La musica classica indiana, per esempio, ha un forte effetto sedativo e anti-dolorifico.

Musica a go-go, quindi, in casa! E non dimenticate che fa benissimo anche ai bambini!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Musica: toccasana per il cervello dei bambiniMusica: toccasana per il cervello dei bambini

Musicoterapia: gli effetti terapeutici della musica classica indiana (Raga Terapia)

10 attivita’ che sono meglio di una seduta di psicoterapia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook