Le affascinanti mummie Chinchorro, le più antiche del mondo, diventano Patrimonio dell’Umanità Unesco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le antichissime mummie Chinchorro, risalenti a 5000 anni fa, sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità Unesco

Il Cile custodisce le più antiche e affascinanti mummie mai scoperte finora e adesso sono state finalmente inserite nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco. Un riconoscimento importante, ufficializzato nel corso 44esimo meeting del World Heritage Committee tenutosi virtualmente la scorsa settimana. Si tratta di un titolo atteso da tempo dal Paese del Sud America, dove all’inizio del XX secolo sono stati rinvenuti diversi corpi mummificati risalenti a oltre 5000 anni avanti Cristo.

Leggi anche: I Portici di Bologna sono Patrimonio dell’umanità Unesco

Le mummie Chinchorro, che prendono il nome dal popolo di pescatori che vivevano lungo le coste del deserto di Atacama tra il 7020 e il 1500 a.C, sono molto più antiche (di ben 2000 anni!) rispetto alle più note ritrovate in Egitto. 

mummie cile unesco

@Sitios Chinchorro a Patrimonio de la Humanidad/Facebook

Con questo prestigioso titolo, l’Unesco ha voluto riconoscere “la più antica testimonianza archeologica conosciuta della mummificazione artificiale di corpi con cimiteri che contengono sia corpi mummificati artificialmente sia alcuni che sono stati preservati a causa delle condizioni ambientali.”

I Chinchorro si sono distinti dagli altri cacciatori e pescatori per i loro complessi riti funerari. 

Nel corso del tempo, i Chinchorro hanno perfezionato complesse pratiche mortuarie, mediante le quali hanno sistematicamente smembrato e riassemblato corpi di uomini, donne e bambini deceduti dell’intero spettro sociale per creare mummie “artificiali”.  – si legge sul sito dell’Unesco – Queste mummie possiedono qualità materiali, scultoree ed estetiche che si presume riflettano il ruolo fondamentale dei morti nella società Chinchorro. Nella proprietà sono stati ritrovati strumenti in materiali minerali e vegetali, nonché semplici strumenti in osso e conchiglie che consentivano uno sfruttamento intensivo delle risorse marine, testimonianza unica della complessa spiritualità della cultura Chinchorro.

mummie unesco cile

@Ivan Alvarado/Reuters

Finora nell’insediamento scoperto nella regione cilena di Arica e Parinacota sono state ritrovate circa 300 corpi mummificati, classificati come mummie nere e rosse, in base alla tecnica di imbalsamazione utilizzata.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: UNESCO

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook